Sei motivi per cui l’inflazione europea dovrebbe calare

10 Febbraio 2022, di Redazione Wall Street Italia

Sei motivi per cui l’inflazione europea dovrebbe calare

di Gero Jung (Mirabaud AM)

Sebbene sia chiaro che la retorica sia cambiata rispetto alla riunione di dicembre, secondo noi di Mirabaud AM è improbabile che la Bce modifichi la politica sui tassi quest’anno nonostante i rischi di un rialzo dei tassi alla fine del 2022 siano aumentati.
Tuttavia, non è questo il nostro scenario di riferimento. La linea guida della Bce per il futuro è improntata alla prudenza, non al panico.
Vi sono diversi elementi a conferma del fatto che l’inflazione europea sia diversa rispetto agli Stati Uniti e che, probabilmente, nel corso dell’anno tenderà a diminuire:

  • l’alto livello dell’inflazione complessiva è dovuto per la maggior parte al rincaro dei prezzi dell’energia (in gennaio, l’inflazione core CPI è scesa);
  • Le differenze fiscali hanno effetti di base;
  • l’inflazione degli affitti in Europa è molto più bassa che non negli Stati Uniti;
  • in Europa non vi sono indizi di una spirale tra salari e prezzi;
  • i colli di bottiglia sul versante dell’offerta si stanno allentando;
  • i dati attuali della produzione sono al di sotto del potenziale

Queste sono le ragioni per cui ci aspettiamo che la Bce sarà prudente, dopo che il presidente Lagarde, nell’ultima comunicazione, ha fatto marcia indietro rispetto alle precedenti prese di posizione da falco, suggerendo che ” le possibilità che l’inflazione si stabilizzi al 2% sono aumentate”.