Seba Bank lancia un servizio di staking di Ethereum riservato alle istituzioni

18 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Mentre la rete Ethereum è passata dal proof-of-work (PoW) al proof-of-stake (PoS), Seba Bank ha deciso di lanciare un servizio per consentire alle istituzioni di condurre lo staking di Ethereum (ETH). La piattaforma svizzera di asset banking digitale ha infatti comunicato di aver lanciato un servizio di staking di Ethereum per le istituzioni che vogliono guadagnare rendimenti dallo staking sulla rete di Ethereum. Secondo l’azienda, la mossa è una risposta alla crescente domanda istituzionale di servizi di finanza decentralizzata (DeFi). Prima di entrare nel dettaglio, vediamo cos’è lo staking di criptovalute.

Cosa è lo staking

Lo staking è un processo che consente ai possessori di una specifica moneta cripto di guadagnare ricompense. Lo staking deriva dal meccanismo PoS (Proof-of-stake), utilizzato da una rete blockchain distribuita, dove i miner possono minare o convalidare le transazioni di blocco in base al numero di monete che hanno. Maggiore è il numero di monete che detengono, maggiore sarà il loro potere di mining. Le ricompense di staking sono condivise con gli utenti che possiedono i cripto-asset e che delegano i loro diritti di voto a gruppo di staking. Maggiore è il numero di convalide delegate a un gruppo di staking, maggiore sarà la possibilità di essere eletti per produrre il blocco successivo e maggiori saranno le ricompense che probabilmente riceveranno.

Lo staking presenta inoltre il vantaggio di contribuire alla sicurezza e all’efficienza dei progetti della blockchain sostenuti. Effettuando lo staking di parte dei tuoi fondi, rendi la blockchain più resistente agli attacchi e ne consolidi l’abilità di elaborare transazioni. Alcuni progetti assegnano ai partecipanti dello staking anche “token di governance”, che consentono agli utenti che li possiedono di esprimere un parere su futuri cambiamenti e aggiornamenti del protocollo in questione.

I benefici dello staking per la rete Ethereum

Secondo Mathias Schütz, dirigente di Seba Bank, l’azienda ritiene che anche le istituzioni possano svolgere un ruolo nella protezione della rete Ethereum tramite lo staking di ETH. Schütz ha spiegato:

“Il lancio dei nostri servizi di staking di Ethereum consentirà agli investitori istituzionali di svolgere un ruolo chiave nel garantire il futuro della rete, tramite una controparte fidata, sicura e completamente regolamentata”.

A suo avviso, l’imminente merge di Ethereum rappresenta una pietra miliare molto importante per la rete in termini di sicurezza, scalabilità e sostenibilità. Schütz ha anche aggiunto che il lancio dello staking di ETH per le istituzioni consente a Seba Bank di tenere il passo con le risorse digitali in rapida evoluzione.

Non solo Seba Bank

Oltre a Seba Bank, anche altre società hanno iniziato a offrire servizi di staking in previsione del Merge di Ethereum. A giugno, la criptobanca Anchorage Digital ha annunciato il suo servizio di staking ETH per clienti istituzionali. Il co-fondatore di Anchorage Digital, Diogo Mónica ha affermato che l’ingresso istituzionale nello staking di ETH è una situazione “vincente per tutti”, sia per l’ecosistema che per le istituzioni.

Nel frattempo, il pool di mining di Ethereum, Ethermine, ha creato un nuovo pool di staking per consentire agli utenti di puntare collettivamente su ETH e ricevere interessi. Gli utenti possono unirsi al pool con un minimo di 0,1 ETH. Tuttavia, la piattaforma ha notato che partecipazioni inferiori significano commissioni maggiori. Al momento, la piattaforma offre un tasso di interesse annuo del 4,43% per lo staking di ETH.