Russia, riserve d’oro superano valore dei Treasuries

22 Giugno 2018, di Alberto Battaglia

La banca centrale della Russia ha aggiunto 600mila once alle sue riserve auree lo scorso maggio, proseguendo il trend che ha visto il Paese accumulare sempre più oro. Le riserve di metallo giallo valgono ora 80,511 miliardi di dollari, pari al 17,63% del totale delle riserve. Se si esclude il Fmi, la Russia è il quinto Paese per riserve auree dietro alla Francia e davanti alla Cina.

Mentre l’oro viene acquistato a ritmo lento e inesorabile (figura in basso), si riducono drasticamente Treasuries in possesso della banca centrale: lo scorso aprile, scrive Russia Today, sono stati venduti 47 miliardi di titoli americani: la metà del totale detenuto in precedenza.

Al termine di queste operazioni, la banca centrale russa vede ora un’incidenza assai superiore delle riserve auree rispetto aiTreasuries: secondo gli analisti di Danske Bank si tratta di una strategia volta a cambiare la composizione delle riserve. Nel 2010 le riserve in Treasuries ammontavano a ben 176 miliardi.

La Russia ha pochi rapporti commerciali con gli Stati Uniti ed è stata sottoposta a una serie di sanzioni a partire dal 2014, in seguito all’annessione della Crimea. In conseguenza, la Russia si è impegnata per aumentare le sue riserve estere complessive negli ultimi anni, concentrandosi maggiormente sull’aggiunta di oro rispetto ai titoli del Tesoro statunitensi.