Riforma pensioni: popolazione sempre più anziana, cosa fare

6 Luglio 2021, di Redazione Wall Street Italia

Riforma pensioni: popolazione sempre più anziana, cosa fare

Secondo le Nazioni Unite, l’età media globale è aumentata di 7 anni dal 1950, da 24 a 31. L’invecchiamento della popolazione può avere conseguenze di vasta portata sull’economia di un paese. Soprattutto dal punto di vista pensionistico.
E’ anche per questo che i principale leader politici, tra cui anche il nostro premier Mario Draghi stanno pensando di riformare le pensioni. Vediamo quali soluzioni possono essere introdotte per garantire un reddito a chi ha terminato la vita lavorativa.

La composizione dell’età globale
La nostra popolazione globale sta invecchiando, in gran parte a causa dell’aumento dell’aspettativa di vita e del calo dei tassi di natalità.

Nel 2020, più di 147 milioni di persone in tutto il mondo avevano un’età compresa tra 80 e 99 anni, pari all’1,9% della popolazione mondiale.

 

FASCIA DI ETÀ        NUMERO DI PERSONE     % DELLA POPOLAZIONE MONDIALE
<20 anni                                          2,6 miliardi                                                 33,2%
20-39 anni                                      2,3 miliardi                                                 29,9%
40-59 anni                                       1,8 miliardi                                                  23,1%
60-79 anni                                       918 milioni                                                  11,8%
80-99 anni                                       147 milioni                                                   1,9%
100+ anni                                         0,6 milioni                                                  0,01%

 

Sebbene quella percentuale possa sembrare piccola, quel particolare gruppo demografico rappresentava solo lo 0,05% della popolazione nel 1950, il che significa che il nostro mondo ha una percentuale notevolmente più alta di persone anziane rispetto a 70 anni fa.

Perché questo è significativo? Un invecchiamento della popolazione in genere significa una diminuzione della forza lavoro e un aumento delle persone che cercano di incassare le loro pensioni.
Naturalmente, l’invecchiamento della popolazione può avere anche un impatto positivo sulla società. Ad esempio, i cittadini anziani tendono a fare volontariato più di altri gruppi di età. E la ricerca ha dimostrato che le comunità più anziane hanno tassi di criminalità più bassi. Entro il 2050, il tasso di criminalità in Australia dovrebbe diminuire del 16% man mano che la popolazione del paese invecchia.

Per mitigare alcuni dei rischi associati a un rapido invecchiamento della popolazione, alcuni paesi stanno lavorando per  riformare le pensioni e renderle più sostenibili, per sostenere i cittadini che invecchiano e allo stesso tempo alleviare lo stress della popolazione attiva.

Entro il 2050 una persona su sei avrà più di 65 anni .

Man mano che la nostra popolazione invecchia si avvicina all’incasso delle pensioni, i paesi devono garantire che i loro sistemi pensionistici possano sopportare la pressione supplementare.

 

Questo grafico utilizza i dati del Melbourne Mercer Global Pension Index (MMGPI) per mostrare quali paesi sono meglio attrezzati per sostenere i propri cittadini più anziani e quali no.

Il crollo
Il sistema pensionistico di ogni paese è stato modellato dal proprio contesto economico e storico. Ciò rende difficile fare confronti precisi tra i paesi, tuttavia ci sono alcuni elementi universali che in genere portano a un sostegno adeguato e stabile per i cittadini più anziani.

MMGPI ha organizzato questi elementi universali in tre sotto indici:

  • Adeguatezza: il livello di base del reddito, nonché la progettazione del sistema pensionistico privato di una regione.
  • Sostenibilità: l’età pensionabile statale, il livello di finanziamento anticipato del governo e il livello del debito pubblico.
  • Integrità: regolamenti e governance messi in atto per proteggere i membri del piano.
    Queste tre misure sono state utilizzate per classificare il sistema pensionistico di 37 paesi diversi, che rappresentano oltre il 63% della popolazione mondiale.

Tutti i paesi hanno margini di miglioramento, anche quelli di rango più elevato. Alcune raccomandazioni generali di MMGPI su come costruire un sistema pensionistico migliore includono:

  • Aumentare l’età della pensione: aiuta a mantenere un rapporto più equilibrato tra lavoratori e pensionati.
  • Applicazione di regimi professionali obbligatori: obbliga i datori di lavoro a fornire piani pensionistici per i propri dipendenti.
  • Limitazione dell’accesso alle prestazioni: impedisce alle persone di attingere preventivamente ai propri risparmi, preservando così i fondi fino al pensionamento.
  • Stabilire solide attività pensionistiche per finanziare passività future: idealmente, queste attività rappresentano più del 100% del PIL di un paese.