Referendum, Renzi: “Non va usato per mandarmi a casa”

28 Settembre 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) -“Non si utilizzi il referendum in nome del desiderio di buttar giù il governo. Si manda a casa per sempre la riforma. Quella è un’occasione perduta. È più bello se si potesse votare nel merito e poi scegliere un front runner del centrodestra e dei 5 stelle, che, con Di Maio, credo non se la passi benissimo”.

E’ quanto ha dichiarato oggi il premier Matteo Renzi in un’intervista con Rtl 102.5, specificando che “se il referendum passa saremo più forti in Europa. Se non passa sarà un problema in più per l’Italia”.

 

Nell’intervista di oggi a Rtl, non e’ solo il M5S a finire nel mirino del premier.

“Berlusconi punta a fare un’operazione del tutto legittima che è quella di tornare in campo assieme a D’Alema e a tanti altri che utilizzano il referendum per questo e per fare una bella Bicamerale”, prosegue rispondendo ad una domanda sul Cavaliere alla vigilia del suo ottantesimo compleanno. “Gli faccio gli auguri dal profondo del cuore, così come a Bersani che compie gli anni lo stesso giorno, il 29 settembre. “Comunque – aggiunge – aspettiamo a giudicare Berlusconi come uomo del passato”.

Ma Renzi ce ne ha anche per Brunetta.

“Mi manda sempre i messaggini con il cuore, con l’emoticon, con il cuore rosso”, rivela Renzi. “Io non condivido nulla di quello che dice ma perchè devo parlare male di lui? Fa una battaglia contro di me del tutto legittima. Poi alla fine se gli italiani preferiscono Brunetta, questa è la democrazia”, conclude il premier.