Reddito di cittadinanza, Svizzera: 2 mila euro per tutti

9 Ottobre 2013, di Redazione Wall Street Italia

GINEVRA (WSI) – In un altro segnale di cambiamento in un periodo di crisi finanziaria e ampiamento della disparità di benessere tra ricchi e poveri, un comitato popolare svizzero ha depositato al Governo la domanda per fissare a 2.500 franchi al mese (circa 2 mila euro) il reddito di cittadinanza minimo.

Non è affatto sicuro che la misura, molto costosa, superi l’ostacolo del voto popolare. Gli organizzatori, che hanno raccolto più di 100 mila firme in una petizione, sono ottimisti. Il voto si terrà venerdì.

Come gesto simbolico, i comitati organizzatori sono riusciti a raccogliere 8 milioni di monetine da cinque centesimi di franco svizzero e le hanno esposte davanti al Parlamento di Berna, per rappresentare gli 8 milioni di cittadini che vivono in Svizzera.

La legge elevetica consente alla gente di organizzare manifestazioni e proporre referendum su temi politici ed economici di questa portata. Un’iniziativa di questo tipo, lanciata a marzo, chiede alle società pubbliche di limitare gli stipendi mensili dei manager a dodice volte il salario minimo dell’azienda (un mese contro un anno di stipendio). In questo caso gli svizzeri si esprimeranno il 24 novembre.