Reddito di cittadinanza: importo medio è ben inferiore ai 780 euro

5 Giugno 2019, di Alessandra Caparello

Poco più di 1 milione e 60mila le istanze presentate a maggio e ad aprile, con un tasso di rifiuto pari al 26%. Sono alcuni dei numeri presentati dall’Inps per il reddito di cittadinanza alla data del 30 maggio scorso.

La Campania è in testa alle regioni in cui sono stati disposti i pagamenti della card ad aprile e maggio, seguita da Sicilia, Puglia, Lazio, Lombardia e Calabria. Tra le città che hanno ricevuto più pagamenti spicca Napoli (71.876), seguita da Roma (41.404) e Palermo (35.245). L’Inps non ha ancora fornito il numero dei beneficiari, né la composizione dei nuclei, ma a conti fatti sulla base di questi primi numeri sarebbero quasi 1,9 milioni di persone ad aver riconosciuto nei primi due mesi il diritto al reddito o alla pensione di cittadinanza. L’importo medio del reddito di cittadinanza è di 540 euro, mentre per le 81mila pensioni di cittadinanza finora erogate, invece, la somma media è di 210 euro.

Il problema che concerne il reddito di cittadinanza è che molti non hanno ricevuto la somma sperata e proclamata inizialmente ossia 780 euro. Il Corriere della SeraIl Corriere della Sera racconta la storia di Riccardo Allori, 57enne che da senzatetto si è trovato con la card del reddito ma con importo più basso di quello sperato, da 780 auspicati a 436 euro.

Sono rimasto molto male quando me l’hanno consegnata: Di Maio aveva promesso 780 euro, non si mente così ai poveri e il sono povero sul serio: (…) ho ricevuto meno solo perché due anni fa ho fatto un tirocinio per il comune da 400 euro al mese e il mio reddito sembrava più alto.