Record per giornata dei single in Cina: boom di vendite per Alibaba

13 Novembre 2017, di Alessandra Caparello

PECHINO (WSI) – Un successo quello che ha registrato Alibaba, la piattaforma di e-commerce di Jack Ma che per la giornata dei single in Cina, tenutasi l’11 novembre, ha battuto tutti i record superando quota 24 miliardi, arrivando a toccare i 25,3 miliardi di dollari di vendite nell’arco delle 24 ore di shopping, contro i 17 miliardi del 2016.

Nei primi due minuti il Global Shopping Festival di Alibaba ha registrato 1 miliardo di dollari  per salire a 11,9 nelle prime due ore con più di 60 brand  che hanno generato oltre 15,1 milioni di dollari ciascuno, tra cui Apple, Estée Lauder, Gap, L’Oreal, Nike, Samsung, Uniqlo e Zara. Secondo i dati che riporta Bloomberg si sono registrati compratori da almeno 192 Paesi.

Secondo quanto afferma il cfo di Alibaba sempre all’agenzia Bloomberg, il 90% delle transazioni è avvenuto attraverso smartphone e nel momento di massimo traffico le transazioni sono avvenute al ritmo di 256mila al secondo. Per sostenere l’evento Jack Ma si è accaparrato Nicole Kidman e Pharrell Williams. Un successo senza precedenti che mostra come i consumi sono al centro dei profondi cambiamenti che stanno interessando il Paese.

L’agenzia Fidelity International ritiene infatti che il tema della crescita dei consumi in Cina sia particolarmente interessante in ottica di investimento.

“Da diversi anni la priorità del Governo di Pechino è supportare il ribilanciamento dell’economia a favore dei consumi, attraverso la crescita dei salari, un mercato del lavoro solido e lo sviluppo della classe media. La crescita dei salari, il solido mercato del lavoro e lo sviluppo della classe media stanno supportando in maniera efficace questo trend, creando opportunità molto interessanti per gli investitori. Basti pensare che il reddito pro capite disponibile in Cina è più che raddoppiato negli ultimi dieci anni, mentre le vendite al dettaglio continuano ad avere tassi di crescita a doppia cifra”.

Secondo Raymond Ma, gestore di FF China Consumer Fund, le maggiori opportunità si troveranno nelle società orientate all’adozione di modelli di business innovativi e focalizzati sullo sviluppo di tecnologie mobile (per esempio, servizi di notizie e messaggistica, social networking, pagamenti tramite cellulare, prodotti di investimento, ecc.).

“Saranno soprattutto le società dotate di forte know-how tecnologico e prodotti innovativi a registrare i maggiori livelli di crescita nei prossimi dieci anni. Oltre ad accrescere ulteriormente la domanda al consumo, l’enorme offerta di laureati ha creato un ampio bacino di ingegneri dotati di istruzione superiore ma a costi relativamente bassi, che forma una solida base per l’evoluzione della Cina da “fabbrica del mondo” a fucina dell’innovazione nei prossimi anni. L’ampliamento e l’inaugurazione di nuovi fronti nel settore dell’innovazione dipenderanno certamente da questo fattore, coniugato ad altri elementi quali il crescente impegno in ricerca e sviluppo, la rapida evoluzione dell’ecosistema di internet e il consolidamento delle catene di fornitura di società tecnologiche cinesi leader a livello mondiale”.