Ray Dalio: “Dall’enorme divario di ricchezza c’è il rischio di guerra civile”

30 Dicembre 2020, di Alessandra Caparello

Altro che sogno americano. L’enorme divario di ricchezza negli Stati Uniti potrebbe portare a conflitti. A lanciare l’allarme è Ray Dalio, il miliardario fondatore del più grande hedge fund del mondo, profondamente preoccupato per un’America divisa e disuguale, il tutto mentre il Presidente eletto Joe Biden si prepara a prendere il potere.

Il numero uno di Bridgewater Associates  avverte che i leader mondiali devono affrontare con urgenza il mix tossico di peggioramento delle disuguaglianze, polarizzazione politica e aumento del debito che si sta verificando.

Ray Dalio: la pandemia ha aumentato le diseguaglianze

Secondo i ricercatori dell’Università di Chicago e dell’Università di Notre Dame, quasi 8 milioni di americani sono entrati nelle file dei poveri da giugno. Allo stesso tempo, le elezioni del 2020 – e gli sforzi dell’ex presidente Donald Trump di capovolgere i risultati – hanno ulteriormente approfondito le ferite politiche. Secondo l’ultimo rapporto settimanale, 885.000 americani hanno chiesto per la prima volta il sussidio di disoccupazione.

Grandi aziende come Coca-Cola, Disney e Post-It maker 3M hanno annunciato licenziamenti di massa. Secondo i dati dell’ultimo Censimento, quasi 13 milioni di adulti, pari al 9,1%, non sono in regola con i pagamenti dell’affitto o del mutuo, o hanno poca o nessuna fiducia nel fatto che saranno in grado di pagare in tempo le bollette del prossimo mese.

“Ho studiato gli ultimi 500 anni di storia e di cicli e queste cose si ripetono all’infinito”, ha detto Dalio. “Grandi divari di ricchezza con grandi divari di valori, ma allo stesso tempo molto debito e recessione economica producono conflitti e vulnerabilità”. “Per riunire il Paese e non avere una forma di guerra civile... ci deve essere l’unione del Paese – ma in modo intelligente”.

Dalio però avverte gli americani a non farsi “prendere dal panico”.

L’alternativa peggiore è che una parte o l’altra della popolazione dica “questo non è più il mio paese”. Questa non è la mia popolazione”, ha detto Dalio. “È una situazione minacciosa. La storia ha dimostrato che è così”.