Prasso, un italiano a Google: come la realtà aumentata può cambiare la nostra vita

23 Marzo 2018, di Alessandro Chiatto

Realtà aumentata che ci aiuti a migliorare la nostra vita, senza stravolgerla. Parola di Luca Prasso, technical artist presso i Daydreams Lab di Google a San Francisco. Nato a Torino, cresciuto a Verona, fondatore di Curious Hat nel 2012, in due anni ha toccato il milione di download. Poi, la collaborazione con il colosso di Mountain View, che lo porta a lavorare nel posto “dove nascono i sogni”.

Lo abbiamo incontrato durante la due giorni organizzata da Uqido a Venezia, in un evento concentrato su nuove prospettive di entertainment, design e videogiochi, con Luca abbiamo parlato di come la realtà aumentata possa cambiare la nostra vita: “Il cambiamento lo vedo più nei piccoli momenti quotidiani. Credo più in un supporto, piuttosto che in uno sconvolgimento“, afferma. “Non ci immagino isolati nei caschetti in un mondo completamente diverso“.