PIAZZA AFFARI SCACCIA LA PAURA E CHIUDE IN DENARO

11 Settembre 2002, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari ha chiuso in forte rialzo il primo anniversario dell’11 settembre 2001, ricordato con una pausa di silenzio.

Una giornata che ha forse segnato una inversione di tendenza per i mercati azionari, che sembrano propensi a risalire la china.

Per commemorare quel giorno Wall Street Italia ha deciso di ripubblicare le immagini esclusive realizzate dai nostri giornalisti a New York.

A Milano la partenza è stata nervosa, con un’oscillazione al di sotto e al di sopra dei valori della vigilia.

A metà giornata la piazza finanziaria ha ingranato la quarta ed è cresciuta con decisione, per chiudere vicino ai massimi di seduta.

L’apertura ridardata di Wall Street, che ha iniziato le contrattazioni dopo le 17:00 ora italiana, ha però mantenuto le promesse, per nulla turbata da alcune gravi notizie sul fronte del terrorismo, con l’arresto di 8 presunti attentatori.

L’attenzione adesso si sposta sul Beige Book, ciè il punto sulla situazione economica curato dalla Federal Reserve, previsto alle 20:00 ora italiana.

Il Mibtel è salito a 18.818 punti (+1,49%).
Il Mib30 ha raggiunto quota 25.669 punti (+1,72%).
Il Midex ha guadagnato l’1,16% a 23.466 punti.
Il Numtel ha chiuso a 1.323 punti (+1,46%).

Tra i migliori di oggi si sono piazzati Fiat, Stmicroelectronics, Tim e IntesaBci.

Il titolo bancario è sembrato aver superato bene la prova dei mercati, dopo la presentazione del piano industriale avvenuta lunedì scorso, quando ha annunciato l’uscita dal difficile mercato sudamericano.

Hanno chiuso bene anche gli altri titoli finanziari, come quelli del risparmio gestito Fineco (dietro le indiscrezioni che vorrebbero prossima la vendita a Citycorp della controllata tedesca Entrium), Mediolanum e Banca Fideuram.

In rialzo i bancari Unicredito e San Paolo Imi, con Capitalia sostanzialmente invariata.

Tra i media è andato bene anche Mediaset, dopo che la semestrale ha evidenziato un leggero miglioramento della raccolta pubblicitaria negli ultimi due mesi. In evidenza anche Seat Pagine Gialle, che avrebbe raggiunto un accordo con Mondadori per l’acquisto di Pagine Utili.

Ancora denaro sul settore assicurativo, con acquisti su Ras e Generali.

Poco mossi gli energetici Snam Rete Gas e Enel, mentre Eni ha chiuso sulla soglia di €16 grazie anche al rincaro del petrolio.

Sul Midex ha brillato Banca Popolare Verona e Novara, premiata dagli investitori grazie ai buoni dati semestrali: in crescita anche Parmalat e Autogrill.

Tra gli altri vanno segnalati Campari, in calo di oltre tre punti percentuali, e Pirelli&C, non sufficientemente premiata dal mercato.

Sul Numtel il migliore è stato Novuspharma, mentre Tiscali si è avvicinato a quota €5.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours clicca su Borsa Italiana.