Petrolio in rialzo, ma le condizioni economiche preoccupano

9 Dicembre 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono saliti venerdì, ma sono ancora sulla buona strada per la loro chiusura settimanale più bassa di quest’anno e il loro più grande calo settimanale da marzo a causa delle preoccupazioni sulle prospettive economiche globali.

I futures del greggio USA sono stati scambiati in rialzo dello 1,34% a 72,42 dollari al barile, mentre il contratto petrolio Brent è salito dello 1,01% a 77,02 dollari, ma entrambi i contratti sono entrambi fissati per perdite settimanali di circa il 10%.

È ampiamente previsto che la Federal Reserve americana effettuerà un aumento minore dei tassi di interesse la prossima settimana. Tuttavia, l’inflazione si è rivelata piuttosto vischiosa, come evidenziato dai dati pubblicati oggi che mostrano che i prezzi alla produzione statunitensi sono aumentati più rapidamente del previsto a novembre, suggerendo che la banca centrale statunitense potrebbe dover mantenere i tassi di interesse più alti più a lungo, pesando sulla crescita nella più grande economia nel mondo.

Allo stesso modo, la Banca centrale europea continuerà ad aumentare i tassi la prossima settimana, nonostante l’economia del blocco sia quasi già in recessione, mentre l’aumento delle infezioni in Cina con la revoca delle restrizioni probabilmente deprimerà la crescita economica del più grande importatore di greggio al mondo.

Detto questo, venerdì il mercato è stato sostenuto dalle interruzioni dell’offerta globale.

Il sistema di oleodotti Keystone è rimasto chiuso venerdì dopo che il greggio è fuoriuscito in un torrente nel Midwest degli Stati Uniti all’inizio della settimana, e la tempistica del riavvio rimane incerta.

Inoltre, c’è ancora una fila di petroliere trattenute dalle autorità turche nel loro viaggio verso il Mediterraneo dal Mar Nero, probabilmente come conseguenza dell’introduzione da parte del G7 di un prezzo massimo sulle esportazioni di greggio russo. La Commissione europea ha negato che il prezzo massimo fosse la ragione del numero di petroliere in attesa di attraversare lo stretto del Bosforo di Istanbul, ma la Turchia ha richiesto alle navi di fornire la prova dell’assicurazione dall’inizio del mese.

La Russia risponderà alla decisione di istigare il prezzo massimo, ha detto venerdì il presidente Vladimir Putin, tagliando potenzialmente l’offerta russa in un mercato già ristretto. Ha affermato il presidente russo:

“Ho già detto che semplicemente non venderemo a quei paesi che prendono tali decisioni”

“Penseremo, forse anche alla possibile, se necessario di ridurre la produzione di petrolio”.

Detto questo, Bloomberg ha riferito che il prezzo del greggio russo in Asia sembra mantenersi ben al di sopra del limite di $ 60 al barile, con il prezzo massimo che ha un impatto minimo su quel mercato.