Petrolio, perché è sceso sotto i 100 dollari al barile?

6 Luglio 2022, di Gianmarco Carriol

Il prezzo del petrolio oggi è sceso drasticamente, rimbalzando leggermente durante la mattinata, mentre i trader hanno focalizzato la loro attenzione sulla rigidità dell’offerta, nonostante le preoccupazioni per la potenziale distruzione della domanda sulla scia di una recessione globale.

Il greggio USA (WTI) è sceso del 1,45% a $98,06 al barile, dopo aver chiuso ieri sotto i $ 100 per la prima volta da fine aprile, il prezzo ritorno a pressare al ribasso. Il Brent è sceso del 1,04% a $101,70, dopo essere crollato del 9,5% nella sessione di ieri. Entrambi i contratti hanno registrato il calo giornaliero più grande da marzo, ma hanno visto una rapida ripresa poiché la tensione dell’offerta persiste.

Le tensioni sul mercato del petrolio

Il segretario generale dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec) Mohammad Barkindo ha dichiarato martedì, poche ore prima della sua morte, che l’industria deve affrontare alcuni problemi a causa di anni di bassi investimenti per quanto concerne le infrastrutture.

Ha aggiunto che la mancanza di offerta potrebbe essere allentata se fossero consentite forniture extra dall’Iran e dal Venezuela, ma non sembra probabile una fornitura aggiuntiva dall’Iran nel prossimo futuro. Ciò segue il rifiuto del paese del Golfo Persico di un piano per tornare all’accordo nucleare internazionale del 2015, con i recenti negoziati a Doha che sono stati una “occasione sprecata”, secondo Robert Malley, l’inviato speciale degli Stati Uniti per l’Iran. “Il mercato petrolifero rimane teso e data l’aspettativa che l’offerta di petrolio russo diminuirà durante l’anno, il mercato è destinato a rimanere teso”, hanno affermato gli analisti di ING, in una nota. “Pertanto, prevediamo che qualsiasi ulteriore ribasso del mercato sarà abbastanza limitato”.

Il governo norvegese ha tentato di allentare alcune delle pressioni intervenendo per porre fine a uno sciopero di alcuni dei lavoratori offshore del paese, il che significa che tutti i giacimenti di petrolio e gas colpiti da uno sciopero dovrebbero tornare in piena attività entro un paio di giorni.

A limitare i guadagni nella sessione di mercoledì è stata la forza del dollaro Usa, che è salito al massimo da 20 anni contro l’euro. Un biglietto verde più forte di solito rende il petrolio più costoso per tutte le altre valute, il che potrebbe frenare ulteriormente la domanda.

Inoltre il COVID-19 non dà tregua in Cina: un nuovo programma di test sul virus a Shanghai fa temere che la piazza finanziaria cinese possa essere nuovamente sprofondata in un’altra chiusura, proprio mentre il consumo di benzina e diesel del Paese si stava avvicinando ai livelli pre-Covid.

I dati settimanali sulle scorte di greggio dell’ente industriale American Petroleum Institute saranno pubblicati più avanti nella sessione, dopo essere stati posticipati entro le vacanze di lunedì.

Analisi tecnica del petrolio Brent

Il prezzo del greggio Brent dopo il forte crollo nella sessione di ieri, continua la sua corsa al ribasso. Dopo aver aperto vicino al massimo della giornata, il petrolio è stato venduto bruscamente più avanti nella sessione e ha toccato un minimo da più settimane di $100,84 al barile, prima di fare un parziale recupero. C’è una zona di supporto sicuramente al livello psicologico dei $100; se non dovesse reggere, il prezzo potrebbe raggiungere l’area di prezzo tra i $96 e i $94.

Nel lungo termine, tuttavia, qualsiasi ulteriore segnale di debolezza economica globale potrebbe far crollare ulteriormente il petrolio al di sotto dei $90 al barile: sarebbe la prima volta da febbraio di quest’anno.

Grafico giornaliero Brent - Tradingview