Opec, muore a 63 anni il segretario generale Barkindo. Ecco chi era

6 Luglio 2022, di Gianmarco Carriol

Mohammad Barkindo, segretario generale uscente dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec), è morto ieri all’età di 63 anni. Ha svolto un ruolo chiave nella formazione del più ampio gruppo di produttori di petrolio, Opec+, e ha aiutato l’industria a superare gli shock globali. Barkindo è morto ieri sera, ha scritto su Twitter, Mele Kyari, il presidente della Nigerian National Petroleum Corp (NNPC), definendo la morte del segretario “una grande perdita”. Solo poche ore prima Barkindo aveva incontrato il presidente nigeriano Muhammadu Buhari e tenuto un discorso a un vertice sull’energia di Abuja, in cui aveva detto che l’industria del petrolio e del gas era “sotto assedio” e vacillante per le enormi perdite di investimenti negli ultimi anni.

Le reazioni alla scomparsa di Barkindo

Joseph McMonigle, segretario generale dell’International Energy Forum, ha commentato:

“Sarà ricordato come una figura significativa nella storia della governance energetica globale. Era un diplomatico eccezionale che ha dato un notevole contributo alla stabilità dei mercati energetici globali”.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak in una dichiarazione ha reso omaggio a Barkindo come uno degli iniziatori dell’Opec+ e sostenitore del dialogo costruttivo con Mosca:

“Barkindo ha dato un contributo significativo alla formazione di una posizione consolidata dei paesi partecipanti, che per diversi anni hanno bilanciato con successo il mercato petrolifero globale”.

Diamantino Azevedo, ministro del petrolio dell’Angola, membro dell’Opec, ha ricordato che Barkindo ha sempre cercato il consenso per il bene dell’organizzazione.

Chi era Barkindo

La carriera di Barkindo nell’industria petrolifera è iniziata in Nigeria all’inizio degli anni ’80. Ha lavorato presso la Nigerian National Petroleum Corporation (NNPC) e ha rappresentato la Nigeria nel consiglio della Commissione economica dell’Opec, un gruppo tecnico.

È stato segretario generale dell’Opec ad interim nel 2006 prima di tornare alla posizione 10 anni dopo, quando ha contribuito a creare l’Opec+ quando i membri dell’Opec hanno unito le forze con la Russia e altri paesi non membri per cooperare sulla fornitura del petrolio. L’Opec+ ha contribuito a cancellare un eccesso di offerta che si è accumulato tra il 2014 e il 2016 e nel 2020 ha organizzato un taglio record della produzione quando la pandemia ha colpito la domanda.

Barkindo ha sempre sostenuto che, sebbene fosse necessario ridurre le emissioni, il petrolio era ancora essenziale e ha recentemente espresso all’Unione europea le preoccupazioni dell’Opec sul divieto del petrolio russo per il suo impatto sui consumatori.

“Servire come Segretario Generale dell’Opec per due mandati è stato l’onore di una vita. Negli ultimi sei anni, abbiamo assistito a momenti sia difficili che storici, che hanno sottolineato più e più volte l’importanza della cooperazione e del lavoro di squadra”, ha affermato Barkindo nel suo ultimo discorso.

Il nuovo segretario generale dell’Opec

Le decisioni chiave dell’Opec sono prese dai ministri dell’Arabia Saudita e di altri grandi produttori, ma il segretario generale rappresenta il gruppo sulla scena mondiale e ha un importante ruolo diplomatico nell’aiutare i ministri a raggiungere il consenso. Barkindo avrebbe dovuto dimettersi alla fine di questo mese dopo sei anni nel ruolo di primo piano presso l’Opec, per entrare a far parte del think tank statunitense del Global Energy Center del Consiglio atlantico. Haitham al-Ghais del Kuwait dovrebbe succedergli e assumere l’incarico il 1° agosto. Dopo la nomina, al-Ghais ha affermato che la sua priorità sarà mantenere in vigore il patto Opec+, poiché è nell’interesse dell’industria petrolifera.