Petrolio in lieve rialzo dopo i crolli di ieri. Cosa dice l’analisi tecnica

23 Giugno 2022, di Gianmarco Carriol

Oggi i prezzi del petrolio sono aumentati dopo i precedenti ribassi, mentre gli investitori hanno valutato i rischi di recessione e come la domanda di carburante sarà influenzata dall’aumento dei tassi di interesse e dalla stretta offerta.

I future sul Brent sono in rialzo dello 0,9%, dopo essere scesi a $108,04 all’inizio della sessione. I future sul greggio WTI sono aumentati dello 0,75%, dopo aver toccato un minimo di sessione di $102,32.

Entrambi i benchmark sono crollati del 3% mercoledì e intorno ai minimi da metà maggio.

Gli investitori continuano a valutare quanto debbano essere preoccupati per le banche centrali, che potrebbero spingere l’economia mondiale in recessione mentre tentano di frenare l’inflazione con aumenti dei tassi di interesse.

“I timori di recessione hanno la loro presa sui mercati, ma l’oscillazione dell’umore è piuttosto quella di un calo dell’ottimismo che di un crescente pessimismo“, ha affermato l’analista di Julius Baer.

Il capo della Federal Reserve statunitense Jerome Powell mercoledì ha affermato che la banca centrale non sta cercando di causare una recessione per fermare l’inflazione, ma è pienamente impegnata a tenere i prezzi sotto controllo, anche se ciò comporta il rischio di una recessione.

“Oltre i timori di recessione, l’aumento vertiginoso dei margini di raffinazione continua a sottolineare che i mercati dei prodotti petroliferi sono estremamente ristretti. Il che conta profondamente per le banche centrali globali”, ha affermato la banca giapponese MUFG.

La Russia trova nuovi clienti per il suo petrolio

Nel frattempo, la Russia continua la caccia a nuovi clienti per il suo oro nero. Il presidente Vladimir Putin mercoledì ha affermato che Mosca stava reindirizzando il suo commercio e le esportazioni di petrolio verso paesi del gruppo BRICS (Brasile, Russia, India e Cina) a seguito delle sanzioni occidentali in risposta al conflitto in Ucraina.

Le importazioni cinesi di greggio dalla Russia a maggio sono aumentate del 55% rispetto all’anno precedente e hanno raggiunto livelli record.

Reuters ha anche riferito che l’India sta fornendo la certificazione di sicurezza per dozzine di navi gestite da una controllata del gruppo armatoriale russo Sovcomflot, consentendo le esportazioni di petrolio in India e altrove dopo che i certificatori occidentali hanno ritirato i loro servizi.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, nel frattempo, ha chiesto al Congresso di approvare una sospensione di tre mesi della tassa federale sulla benzina per aiutare a combattere i prezzi record alla pompa e fornire un sollievo temporaneo alle famiglie quest’estate.

La US Energy Information Administration ha affermato che i suoi dati settimanali sul petrolio, la cui pubblicazione era prevista per giovedì, saranno posticipati almeno fino alla prossima settimana a causa di problemi di sistema.

Analisi tecnica del petrolio Brent

Il grafico giornaliero del Brent mostra un modello di topping-out all’inizio di questo mese, con $123,50, livello testato e rifiutato quattro volte. L’azione sui prezzi da allora ha costruito un canale discendente e ha rotto al di sotto della media mobile semplice a 20 giorni (blu). Il prezzo del Brent si sta ora dirigendo verso una zona di precedente supporto compresa tra $100 e $95,60, con la media mobile a 200 giorni (arancione) che appare anche all’estremità inferiore di questo intervallo. I 100 dollari al barile sono, inoltre, un importante livello psicologico.

Grafico giornaliero Brent - Tradingview