Petrolio in calo oggi a causa delle preoccupazioni sulla domanda

12 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono scesi venerdì, trattenuti dai timori di recessione che hanno offuscato le prospettive della domanda, ma sono rimasti sulla buona strada per un aumento settimanale.

I future sul greggio Brent sono scesi dell’1,7%, a $ 97,74 al barile, mentre il greggio US West Texas Intermediate (WTI) è sceso dell’1,97%, a $ 92,47.

Il Brent era sulla buona strada per un rialzo vicino al 4% questa settimana dopo il calo del 14% della scorsa settimana a causa dei timori che l’aumento dell’inflazione e dei tassi di interesse colpirà la crescita economica e la domanda di carburante.

Il mercato stava assorbendo opinioni contrastanti sulla domanda da parte dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA).

“Stiamo assistendo a un rallentamento economico, ma non è chiaro se si tratti di un rallentamento così grande come alcune delle recenti prospettive hanno previsto”, ha affermato Ole Hansen, responsabile della strategia delle materie prime di Saxo Bank. “La domanda fluirà e rifluirà, ma l’offerta è ancora la preoccupazione principale”.

Le sanzioni europee sul petrolio russo dovrebbero essere inasprite entro la fine dell’anno, mentre un rilascio di energia coordinato di sei mesi concordato dagli Stati Uniti e da altre economie sviluppate dovrebbe fare il suo corso entro la fine dell’anno.

Giovedì l’OPEC ha tagliato le sue previsioni di crescita della domanda mondiale di petrolio nel 2022 di 260.000 barili al giorno. Ora prevede che la domanda aumenterà di 3,1 milioni di barili al giorno quest’anno. Mentre l’IEA, nel frattempo, ha aumentato la sua previsione di crescita della domanda a 2,1 milioni di barili al giorno, citando il passaggio da gas a petrolio nella produzione di energia.

“C’è una grande incertezza sulla domanda nel breve periodo. Fino a quando non si risolverà, (il mercato) sarà così per un po'”, ha affermato Justin Smirk, economista senior presso la banca australiana Westpac.

L’AIE ha anche aumentato le sue prospettive per l’offerta di petrolio russa di 500.000 barili al giorno per la seconda metà del 2022, ma ha affermato che l’OPEC avrebbe difficoltà ad aumentare la produzione.

“Il mercato petrolifero si è ripreso questa settimana, con il Brent che flirta ancora una volta con le triple cifre”, ha affermato Craig Erlam, analista di mercato senior di Oanda a Londra.

“Tutto sommato, i movimenti dei prezzi evidenziano quanto il mercato rimanga stretto e quanto sia ancora sensibile ai picchi”.