Petrolio in rialzo nonostante la domanda cresca meno nel previsto

11 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

L’OPEC questa mattina ha tagliato per la terza volta da aprile le previsioni di crescita della domanda mondiale di petrolio per il 2022, citando l’impatto economico dell’invasione russa dell’Ucraina, l’elevata inflazione e gli sforzi per contenere la pandemia di coronavirus.

Il punto di vista dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio contrasta con quello dell’Agenzia internazionale per l’energia, che oggi ha alzato le sue prospettive sulla domanda.

Il greggio Brent ha mantenuto un precedente guadagno dopo la pubblicazione del rapporto, trovando supporto dal punto di vista dell’AIE sulla domanda e scambiando sopra i 98 dollari al barile (+1%).

L’OPEC in un rapporto mensile ha affermato di aspettarsi un aumento della domanda di petrolio nel 2022 di 3,1 milioni di barili al giorno, o del 3,2%, in calo di 260.000 bpd rispetto alla previsione precedente.

L’OPEC ha lasciato invariata la sua proiezione di crescita per il 2023 a 2,7 milioni di barili al giorno.

Il consumo di petrolio è rimbalzato della pandemia e quest’anno è destinato a superare i livelli del 2019 anche dopo che i prezzi hanno raggiunto livelli record. Tuttavia, i prezzi elevati del greggio e le epidemie di coronavirus cinesi hanno intaccato le proiezioni di crescita per il 2022.

“I fondamentali del mercato petrolifero globale hanno continuato la loro forte ripresa ai livelli pre-COVID-19 per la maggior parte della prima metà del 2022, anche se sono emersi segnali di rallentamento della crescita dell’economia mondiale e della domanda di petrolio”, ha affermato l’OPEC nel rapporto.

L’OPEC ha ridotto le sue previsioni di crescita economica globale per il 2022 al 3,1% dal 3,5% e l’anno prossimo al 3,1%, affermando che la prospettiva di un’ulteriore debolezza è rimasta.

“Questa è, tuttavia, una crescita ancora solida, se confrontata con i livelli di crescita pre-pandemia, che erano in media solo leggermente superiori e non gravati dagli attuali problemi potenzialmente impattanti”, ha affermato l’OPEC.

“Pertanto, è ovvio che prevale un rischio significativo al ribasso”.

L’OPEC e gli alleati, inclusa la Russia, noti collettivamente come OPEC+, stanno aumentando la produzione di petrolio dopo i tagli record messi in atto quando la pandemia ha preso piede nel 2020.

Negli ultimi mesi l’OPEC+ non è riuscita a realizzare pienamente gli incrementi di produzione previsti a causa del sottoinvestimento nei giacimenti petroliferi da parte di alcuni membri dell’OPEC e delle perdite di produzione russa. Il rapporto ha mostrato che la produzione dell’OPEC a luglio è aumentata di 162.000 barili al giorno a 28,84 milioni di barili totali giornalieri.