Per Apple e Tesla c’è ancora spazio per crescere dopo lo split delle azioni

1 Settembre 2020, di Massimiliano Volpe

Apple e Tesla potrebbero rendere ancora più felici i propri azionisti visto che i loro titoli potrebbero crescere di oltre un terzo nel corso dei 12 mesi successivi. Lo suggerisce l’analisi compiuta dalla piattaforma di investimenti multi-asset eToro sugli split azionari compiuti dalle principali società quotate nel corso degli ultimi 60 anni.

La produttrice di auto elettriche Tesla e il gigante tecnologico Apple hanno appena effettuato lo split azionario (frazionamento delle azioni) che ha ricompensato gli azionisti con azioni extra. Gli azionisti Tesla hanno ricevuto cinque azioni per ogni azione posseduta, quattro azioni invece quelli Apple.

Di solito, le aziende effettuano gli split azionari per ridurre il prezzo delle loro azioni, rendendole quindi più appetibili per potenziali investitori.

Il frazionamento favorisce la corsa in Borsa

Analizzando 60 anni di dati, eToro ha scoperto che, in media, i brand vedono il prezzo dello loro azioni salire di oltre il 33% nei 12 mesi successivi allo split.
Come parte della sua analisi, eToro ha analizzato i movimenti di prezzo delle azioni delle 10 aziende più grandi al mondo che hanno effettuato uno “share split”. Si tratta di Apple, Alphabet (Google), Microsoft, Amazon, Coca-Cola, Disney, Samsung, McDonald’s, Toyota e Intel.

 

Da quando è nata, Apple ha frazionato le sue azioni quattro volte e il valore di queste di solito cresceva del 10,4% durante l’anno successivo allo split. In particolare, nei 12 mesi successivi gli split azionari di febbraio 2005 e giugno 2014, le azioni Apple sono salite rispettivamente del 58,2% e 36,4%.
Tuttavia, abbiamo anche assistito al crollo del 61% del valore delle azioni a seguito dello split azionario di giugno 2000, da ricondurre alla bolla speculativa.

Per quanto riguarda Tesla, al primo split della propria storia, è lecito aspettarsi un incremento di atrattività delle azioni del colosso automobilistico.

“Il nostro studio mostra che, in media, i grandi brand che hanno effettuato split azionari vedono le loro azioni salire del 33% entro un anno. Anche se le performance passate non sono garanzia di guadagni futuri, è probabile che questa volta vedremo Tesla e Apple superare tale livello di crescita.
Ciò è possibile perché gli investitori retail sono sempre più impegnati nel mercato finanziario, e molti reputano vantaggioso investire nelle aziende che producono i prodotti che loro stessi amano e usano quotidianamente, e Tesla e Apple sono fra queste aziende.
“Dunque, è probabile che la possibilità di investire in due aziende così popolari a prezzi più competitivi si dimostrerà troppo allettante da rifiutare per questi investitori.
“I numeri della piattaforma eToro mostrano come sia già cresciuta la voglia di investire sia in Tesla che in Apple da quando i frazionamenti azionari sono stati annunciati” ha commentato Adam Vettese, analyst di eToro.