Passaporto vaccinale al via dal 1 luglio, come funziona

3 Giugno 2021, di Alberto Battaglia

Il passaporto vaccinale digitale dell’Ue entrerà in vigore solo a partire da luglio, ma l’interconnessione tra i sistemi nazionali (gateway) è già operativa e per tutto il mese di giugno “gli Stati membri possono avviare il certificato su base volontaria a condizione che siano pronti a rilasciare e verificare i certificati e dispongano della necessaria base giuridica”.

Parte così, anche in Italia, la possibilità di richiedere il cosiddetto Green pass, un documento che attesta l’avvenuta vaccinazione, la guarigione dalla malattia provocata dal virus Sars-Cov-2 oppure l’esito negativo di un tampone effettuato nelle ultime 48 ore.
La sua validità, però, sarà per il momento circoscritta al territorio nazionale: “La certificazione verde Covid-19 è valida solo sul territorio nazionale, in quanto al momento il sistema e le regole del Digital green certificate non sono entrati in vigore, pertanto per recarsi all’estero si è soggetti alle normative dei singoli Paesi”, ha chiarito il ministero della Salute.

Passaporto vaccinale, a cosa serve

Come spiegato sul sito ufficiale Ue, il passaporto vaccinale Covid digitale “contribuirà a far sì che le restrizioni attualmente in vigore possano essere revocate in modo coordinato” e che “in caso di viaggio, il titolare del certificato dovrebbe, in linea di principio, essere esonerato dalle restrizioni alla libera circolazione”. Un condizionale che lascia ai Paesi la possibilità di agire in senso restrittivo laddove sussistano ragioni di preoccupazione, come la diffusione di nuove varianti. In tal caso, “lo Stato membro in questione è tenuto ad informare la Commissione e tutti gli altri Stati membri e giustificare tale decisione”.

Chi lo rilascia e come richiederlo

Il Green pass in Italia potrà essere rilasciato, in formato cartaceo o digitale, dal medico di famiglia, dalla struttura sanitaria presso la quale si è stati vaccinati o dal Servizio sanitario regionale di competenza.
Il decreto Recovery in vigore dal primo di giugno, inoltre, ha previsto anche la possibilità di richiedere il Green pass attraverso la app Immuni oppure la app Io. In quest’ultimo caso, al 2 giugno, abbiamo verificato che non risulta ancora attiva la sezione dedicata al Certificato Covid

La validità del pass scatta a partire dal quindicesimo giorno dalla somministrazione della dose di vaccino (la prima, ove ne siano previste due); la sua validità e di nove mesi dal completamento del ciclo vaccinale.