Auto elettriche: in Cina le vendite impazzano

29 Settembre 2021, di Sherry Ma (JK Capital)

I produttori di auto elettriche cinesi (NEV) hanno annunciato numeri di vendita eccezionali per il mese di agosto. Secondo l’Associazione Cinese di Costruttori di Automobili (CAA), i volumi di produzione e di vendita di veicoli NEV realizzati interamente in Cina sono saliti rispettivamente a 309.000 e a 321.000 unità nel corso del mese, un aumento del 180% su base annua e del 120% rispetto ai livelli del 2019. Il tasso di penetrazione dei NEV è salito al 17,8%, raggiungendo anch’esso un livello record.

La Cina sta accelerando lo sviluppo di veicoli NEV per raggiungere il suo obiettivo di arrivare al picco di emissioni di carbonio entro il 2030, per poi arrivare alle emissioni zero entro il 2060. Dalla seconda metà del 2019 alla fine del 2020, il tasso di penetrazione dei NEV non era riuscito a superare il 6% per via di diversi fattori, come il ritiro dei sussidi e l’impatto della pandemia di Covid-19. Tuttavia, dall’inizio del 2021, è salito dal 5% a circa il 18% in soli otto mesi.
Il governo cinese ha posto come obiettivo che i NEV costituiscano il 20% delle vendite di automobili entro il 2025. Secondo l’Associazione Cinese di Costruttori di Automobili, si potrebbe raggiungere tale traguardo ben prima di quella data, dal momento che il mercato NEV sembra aver già passato il punto di svolta, passando dall’essere guidato dalla politica all’essere guidato dal mercato.

Nel complesso, le vendite di auto in Cina sono state pari a 1,8 milioni ad agosto, in calo del 17,8% su base annua e del 5,9% su base mensile. Le vendite di veicoli passeggeri sono risultate pari a 1,55 milioni, maggiori del volume di produzione (1,49 milioni). Il calo delle vendite ad agosto è stato attribuito a due ragioni: da una parte, le chiusure delle fabbriche di semiconduttori in Malesia hanno portato a un piano di produzione per i microchip per automobili molto rigido, il che ha peggiorato la carenza di microchip iniziata con la pandemia di Covid-19. D’altra parte, l’adozione degli standard di emissione Stage VI per i veicoli pesanti ha causato una fluttuazione dei mercati a breve termine, colpendo duramente la domanda di camion e di veicoli commerciali.

Possiamo vedere che, a causa di questa forte carenza di microchip, i produttori automobilistici hanno adottato una gestione flessibile della logistica per poter sostenere una vendita vigorosa di NEV. I produttori di auto prima non avevano dei canali di comunicazione diretta con i fornitori di microchip, mentre ora cercano o di coordinarsi direttamente con i fornitori, o di comprarne dai mercati secondari, per aggirare la carenza.

I marchi locali hanno continuato a ottenere quote di mercato grazie a misure più efficaci che affrontavano la carenza di microchip e la forte crescita delle vendite NEV. Ad agosto, i veicoli passeggeri delle marche locali ammontavano al 45,3% delle quote di mercato, un miglioramento rispetto al 36,5% di gennaio 2021. I modelli di tendenza come quelli di Tesla e quelli economici di Wuling hanno dato al segmento NEV una forma a manubrio, dal momento che i modelli più venduti sono sia quelli più costosi che quelli meno costosi.

I tassi di penetrazione dei NEV tra le vendite dei marchi locali cinesi sono stati pari al 35% ad agosto, per i brand stranieri in joint-venture solamente al 2,7%. BYD ha venduto 61.409 unità NEV ad agosto, con un aumento del 301% su base annua e del 21% su base mensile. SAIC-GM Wuling, nota per i suoi modelli a buon mercato di piccole dimensioni, ha venduto 43.783 veicoli NEV ad agosto, segnando un aumento del 140% su base annua.

Anche brand emergenti puramente EV hanno fornito i numeri delle vendite. Li Auto ha venduto un totale di 9.433 unità, più delle altre due compagnie. Xpeng ha venduto 7.214 veicoli, un aumento del 172% in confronto a quello di agosto 2020, mentre Nio ha venduto 5.880 macchine.
Sebbene i numeri delle vendite di Xpeng e Nio ad agosto mostrino un calo su base mensile, entrambe le società hanno dato guidance positive in previsione di settembre. Si prevede infatti che Nio venda circa 9.000 veicoli, con un salto di più del 50% rispetto ad agosto. Lo stesso discorso vale per Xpeng, che punta a vendere circa 15.000 veicoli nel quarto trimestre, raddoppiando il numero attuale.