UniCredit, Poste smentiscono: nessuna offerta più alta per Pioneer

5 Dicembre 2016, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Un’offerta più elevata per Pioneer presentata da Poste insieme ad Anima e Cdp non sarebbe in linea con obiettivi di ritorno adeguati per i propri azionisti. A precisarlo in una nota le stesse Poste dopo che UniCredit ha annunciato oggi di aver avviato con Amundi il negoziato in esclusiva per la possibile vendita delle attività della propria Sgr.

“Come indicato al momento della quotazione Poste considera la crescita per acquisizione uno degli elementi del suo piano di sviluppo, a condizione che gli investimenti vengano orientati su aziende con forti sinergie strategiche e industriali e che i valori investiti siano coerenti con le prospettive di ritorno per gli azionisti. La sostenibilità di Poste e la sua capacità di creare valore nel lungo periodo per azionisti e clienti resta la stella polare delle nostre decisioni”.