Petrolio frena, ma a Piazza Affari buy scatenati su Saipem, Eni e Tenaris

29 Settembre 2016, di Laura Naka Antonelli

Anche se i prezzi del petrolio frenano dopo il rally successivo alla notizia dell’accordo storico raggiunto ad Algeri tra i paesi produttori dell’Opec, i titoli energetici quotati sull’azionario globale continuano a salire.

A Piazza Affari, in particolare sul listino  Ftse Mib buy scatenati su ENI, che balza del 4%. Saipem fa ancora meglio con un rialzo di quasi il 7%, mentre Tenaris vola di oltre +8%.

Sotto pressione le banche, conUnicredit -0,68%, Ubi Banca -2,78%, Mediobanca -0,43%, FinecoBank -0,58%, BPM -1,16%, BP -1,55%, MPS -0,31%. Eccezione Bper che avanza dello 0,56%.

Contrastato il compartod del lusso, come Luxottica -1,49%, Moncler +0,53%, Yoox Net-A-Porter -1,59%, Ferragamo +1,38%.

Intanto i prezzi del petrolio, che avevano segnato un rally fino a +6% dopo l’annuncio dell’Opec, virano in rosso, con il Brent che cede lo 0,78% a $48,31 e il contratto WTI scambiato a New York in flessione dello 0,49%, a $46,82 al barile.

Il Ftse Mib è solido con un rialzo dell’1,04%, a quota 16.390,18 punti.