Mercati: analisti italiani più ottimisti sull’azionario, bond perdono consensi

7 Febbraio 2017, di Daniele Chicca

Gli analisti italiani continuano ad avere fiducia nei confronti della componente azionaria dei mercati, con particolare interesse rivolo alla Borsa giapponese per la quale le stime passano da leggermente positiva a positiva. Parziale, invece, è il giudizio nei confronti dei mercati Usa a fronte di un preoccupante protezionismo della nuova amministrazione a guida Trump. Sono le conclusioni principali della prima edizione del 2017 del Panel Strategist, l’analisi trimestrale realizzata da AIAF, l’Associazione Italiana degli Analisti e Consulenti Finanziari.

Per quanto riguarda i mercati obbligazionari, gli strategist italiani appaiono più diffidenti nei confronti dei governativi dell’Eurozona (per i quali il giudizio passa da neutrale a negativo), dei corporate europei (per i quali si passa da un giudizio positivo a neutrale) e dei mercati emergenti, dove però il parere passa da positivo a solo leggermente positivo. Migliora, invece, il sentiment nei confronti del mercato monetario che passa da leggermente negativo a neutrale e sul petrolio (da neutrale a positivo), segno dei concreti risvolti derivanti dall’accordo tra i paesi produttori (Opec e non) per limitare la produzione globale e ribilanciare il mercato.