Mediobanca è fra gli istituti meno colpiti dallo spread, cede meno del comparto

13 Novembre 2018, di Alberto Battaglia

Mediobanca, da inizio anno, ha sovraperformato l’indice di riferimento per i titoli bancari italiani FTSE ALL-SHARE BANKS, che cede oltre il 25%; l’istituto guidato da Alberto Nagel è in calo di un più contenuto 15% (dati al 30 settembre).

Alla base di questo dato si può notare che Mediobanca presenta un profilo di rischio tra i più contenuti in Italia, avendo un capitale molto elevato e bassa incidenza delle attività deteriorate. Quanto al tema caldo dell’allargamento dello spread italiano, il gruppo vanta una bassa correlazione al differenziale, in quanto il gruppo detiene pochi titoli di stato italiani in proporzione al capitale.

Su quindici analisti che seguono il titolo 13 hanno espresso un giudizio buy e 2 sono hold, con un prezz target medio a 10 euro. Attualmente il titolo è a 7,96 euro, in rialzo dell’1,17% rispetto alla chiusura di lunedì.