Eurozona: Bce taglia stime crescita nel biennio 2016-2017

22 Aprile 2016, di Alessandra Caparello

FRANCOFORTE (WSI) – Gli economisti della BCE tagliano le stime sull‘inflazione e sulla crescita nell’Eurozona per il 2016 e 2017. Nel sondaggio trimestrale della Banca centrale condotto tra il 31 marzo ed il 6 di aprile, tra economisti dei principali uffici studi del settore finanziario e corporate, emerge la riduzione delle previsioni sull’inflazione a +0,3% da +0,7% della precedente previsione per il 2016 e a +1,3% da +1,4% per il 2017.

Confermata invece la stima di +1,6% nel 2018. Da sottolineare che a rispondere al sondaggio sono stati in totale 53 esperti, un numero leggermente inferiore alla media storica di 58 risposte. Gli economisti partecipanti al sondaggio stimano un’inflazione intorno a +1,8% nel lungo termine, livello leggermente inferiore al 2%. In merito al PIL, la stima per il 2016 passa a +1,5% da +1,7% della precedente previsione, mentre per il 2017 da +1,8%, a +1,6%. Confermata nel 2018 a +1,7%, la stessa percentuale per la dinamica di lungo termine del Pil.