Draghi su Italia: banche vulnerabili da tempo, fiducia in governo. Euro non a rischio

8 Dicembre 2016, di Laura Naka Antonelli

“I problemi dell’Italia sono ben noti” e le vulnerabilità delle banche italiane sono presenti da molto tempo. E’ quanto afferma Mario Draghi, rispondendo a una domanda su quanto sia preoccupato riguardo alle condizioni di salute del ‘sistema bancario italiano.

“Sono fiducioso sul fatto che il ‘governo-italiano” saprà affrontare le diverse questioni.

Interpellato di nuovo sulla questione dell’incertezza politica in Italia, Draghi non risponde direttamente alla domanda, ricordando come l’incertezza sia presente ovunque nel mondo.

“Riguardo a quello che la Bce può fare, questo è un interrogativo aperto..possiamo continuare nella nostra politica monetaria accomodante, ma il punto è che i paesi che hanno bisogno di riforme devono metterle in atto a prescindere dal clima di incertezza politica“.

Detto questo, secondo Draghi la crisi che si è aperta nel panorama politico italiano non mette a rischio l’euro.

“In questa fase non intravediamo rischi per l’euro” legati al clima che si è generato in Italia con la vittoria del NO al referendum costituzionale: anche perchè “i fondamentali economici sono più solidi rispetto a cinque anni fa, quando invece il rischio contagio si era presentato”.