Cyber-security, il settore finanziario è fra i più esposti

18 Maggio 2017, di Alberto Battaglia

Le società finanziarie sono sempre più consapevoli di essere bersaglio di attacchi informatici finalizzati al “furto” di ingenti somme di denaro. Secondo il report “Banking & Financial Services Cyber-Security: US Market 2015-2020“, pubblicato da Homeland Security Research Corp, il mercato relativo alla protezione dei servizi finanziari americani arriverà a toccare la cifra record di 9,5 miliardi di dollari, diventando uno dei più grandi mercati non governativi relativi alla cyber-security.

L’AD di Bank of America, Brian Moynihan, commentando i numeri in aumento di questo tipo di crimini, ha dichiarato che il secondo lender più grande d’America ha in programma di spendere nel 2017 più di 400 milioni di dollari per potenziare la cyber sicurezza di banche e istituti finanziari. Gli attacchi contro le banche, infatti, sono quelli che potenzialmente possono causare i maggiori danni. A segnalare l’impatto del fenomeno è una ricerca del fornitore di servizi e soluzioni di sicurezza specializzata, Venustech.