Borse Europa in rialzo, ma Madrid cede l’1% per via del caos in Catalogna

27 Ottobre 2017, di Daniele Chicca

Le Borse europee hanno chiuso in rialzo ma la Borsa di Madrid ha subito un ritracciamento, con la crisi costituzionale in Catalogna che è peggiorata ulteriormente. Dopo che il parlamento catalano ha dichiarato l’indipendenza e che il governo di Madrid ha attivato l’opzione nucleare, commissariando la regione con mire secessioniste, si può affermare che la crisi è la più grave degli ultimi 40 anni.

Il Ftse 100 inglese ha guadagnato 18 punti a quota 7.505, mentre il Cac francese e il Dax tedesco sono avanzati dello 0,7%. Piazza Affari, zavorrata dalle banche, ha perso lo 0,62%. L’Ibex spagnolo ha chiuso in calo dell’1%. I gruppi le cui operazioni dipendono dai consumi hanno fatto particolarmente bene tra le Borse in Europa, e anche le compagnie petrolifere, che hanno tratto giovamento dal balzo dei prezzi del Brent ai massimi di oltre due anni sopra i 60 dollari al barile. La crescita economica americana ha rassicurato gli investitori sullo stato di salute dell’economia: l’incremento delle chance di un rialzo dei tassi da parte della Fed a dicembre ha sospinto il dollaro Usa sul ForexL’euro invece paga la strategia monetaria della Bce più accomodante del previsto e le tensioni in Catalogna.