Bce taglia stime di crescita nell’area euro

24 Marzo 2016, di Alessandra Caparello

FRANCOFORTE (WSI) – Pubblicato il bollettino economico della Bce del 24 marzo 2016 in cui si fornisce un’analisi complessiva degli sviluppi economici e monetari, inclusi commenti sulle proiezioni macroeconomiche per l’area euro stimate dallo staff dell’Eurosistema. Le prospettive per l’espansione della crescita in termini reali sono state riviste al ribasso per motivi principalmente ascrivibili alla più debole espansione anticipata per l’economia mondiale.

Dall’ultimo bollettino emerge come la ripresa economica nell’area dell’euro stia proseguendo ma che il ritmo della crescita sia moderato. Nei dettagli l’attività economica mondiale ha rallentato il passo al volgere dell’anno e dovrebbe continuare a espandersi a tassi modesti. I mercati finanziari hanno evidenziato una maggiore volatilità nei mesi recenti e hanno influito negativamente i segnali di frenata dei paesi emergenti e l’assenza delle riforme strutturali necessarie a livello politico.

“I paesi con alti livelli di indebitamento sono particolarmente vulnerabili a un rialzo dell’instabilità nei mercati finanziari” e “la loro capacità di adattamento a possibili shock avversi è piuttosto limitata”.

La Bce prevede ora una crescita annua del Pil in termini reali pari all’1,4% nel 2016, all’1,7% nel 2017 e all’1,8% nel 2018.