Nafta, dagli Usa minacce al Canada: “senza accordo, tariffe sulle auto”

28 Agosto 2018, di Mariangela Tessa

Gli Stati Uniti potrebbero alzare i dazi sulle auto canadesi se i due paesi non raggiungeranno un’intesa commerciale. Sono le parole di  Lawrence Kudlow, principale consigliere economico della Casa Bianca, che subito dopo l’ufficializzazione del nuovo accordo tra Usa e Messico, in un’intervista alla CNBC ha detto:

“Ci auguriamo che il Canada stia guardando attentamente a come possono essere conclusi i negoziati di successo”, ha affermato. “Vorremmo davvero raggiungere un accordo con loro”.

I primi incontri tra i due Paesi potrebbero avvenire anche già questa settimana. Il ministro degli esteri Chrystia Freeland ha sfoltito gli appuntamenti in Europa per volare a Washington e discutere di una possibile intesa.

Mentre resta dunque tutto da da vedere se il Canada troverà un accordo commerciale unendosi a quello annunciato ieri tra Usa e Messico, la maggiore fonte di preoccupazione resta la relazione tra Usa e Cina e una escalation delle tensioni.  Una guerra a colpi di dazi tra le due maggiori potenze economiche finirebbe per ledere l’economia non solo Usa ma anche globale, un “rischio significativo” evidenziato anche dai verbali diffusi mercoledi’ scorso dalla Federal Reserve.

A questo proposito Kudlow ha spiegato che nei negoziati commerciali con la Cina, gli Stati Uniti “non hanno ottenuto nulla” anche perché Pechino “non dice mai sí'” alle richieste avanzate dagli Usa. Parlando ieri a mercati Usa ormai chiusi ai microfoni di Cnbc, Kudlow ha spiegato che se la nazione asiatica “cambia punto di vista, sarebbe cosa benvenuta”. Le sue parole sono arrivate qualche ora dopo quelle del presidente americano Donald Trump, secondo cui “questo non è il momento giusto per parlare” con la Cina.