Dogecoin: Musk favorevole a portarlo sulla piattaforma Coinbase

16 Marzo 2021, di Alberto Battaglia

La storia d’amore fra Elon Musk e la community degli cripto-entusiasti prosegue, come sempre nella cornice di Twitter. Questa volta il ceo di Tesla ha sollecitato un provvedimento che potrebbe contribuire alla popolarità del Dogecoin, la moneta nata per scherzo che era già finita nel mirino del gruppo Reddit Wallstreetbets.

Secondo Musk questa criptovaluta dovrebbe essere ospitata sull’exchange Coinbase, una fra le piattaforme di scambio più utilizzate al mondo per comprare e vendere Bitcoin e affini. Musk, che già nelle scorse settimane aveva stupito tutti quando si era appreso che Tesla accetterà il Bitcoin come forma di pagamento per l’acquisto delle proprie vetture, ha risposto affermativamente a un utente che gli domandava proprio dello sbarco del Dogecoin su Coinbase.

La stessa società ha recentemente annunciato che potrebbe presto quotarsi in Borsa e ha già avviato la procedura per farlo.

Dogecoin, fra endorsement e speculazioni

Il Dogecoin ha compiuto un balzo formidabile, giustificato pressoché esclusivamente da una sfida lanciata su Reddit: “Facciamo del Dogecoin una sensazione”, titolava un thread di poche ore precedente a una fiammata impressionante nel valore della moneta. Nonostante il netto calo dai massimi, la performance da inizio anno di questa criptovaluta è del 1.120%, al 16 marzo 2021.

Fra i vari avalli ricevuti dal Dogecoin ci sono anche quelli del rapper Snoop Dog (probabilmente suggestionato dall’assonanza fra Dogecoin e il suo nome d’arte) e del bassista dei Kiss Gene Simmons.

Nonostante l’assenza da Coinbase, chi volesse imbarcarsi nella speculazione sul Dogecoin non avrebbe troppi problemi a farlo: infatti la piattaforma più popolare in assoluto, Binance, offre la possibilità di scambiarsi la criptovaluta “del cagnolino”.

Alcuni analisti evidenziano che oltre alla volatilità sul Dogecoin c’è  un problema strutturale che  rischia di penalizzare questa criptovaluta. Il suo fondatore, Jackson Palmer, ha ammesso che al momento non sono previste innovazioni di carattere tecnico. Questo comporterà difficoltà al Dogecoin per rimanere al passo con la concorrenza.