Morgan Stanley compra futures sui Bitcoin per i clienti

22 Gennaio 2018, di Alessandra Caparello

NEW YORK (WSI) – Dopo Goldman Sachs anche Morgan Stanley sta saltando sul carro dei Bitcoin.

Secondo Bloomberg, la banca d’affari americana sta effettuando operazioni a termine dei futures sui Bitcoin per i clienti, unendo così al rivale Goldman Sachs e ad un certo numero di grandi broker come TD Ameritrade e E*Trade impegnati con le criptovalute. Jonathan Pruzan, direttore finanziario della banca, ha detto che l’ azienda sta effettuando operazioni a termine sui futures dei bitcoin effettuate su Cboe Global Markets e CME Group.

Alcuni gruppi hanno lanciato i futures bitcoin in dicembre, ma a Wall Street molti hanno atteso perché prima volevano aspettare di vedere la reazione degli investitori al prodotto finanziario associato a una moneta digitale nota per la sua volatilità.

“Se qualcuno vuole fare trading sui futures e saldare in contanti, lo faremo”, disse Pruzan a Bloomberg.

“Non direi che c’è stata molta attività, ma è per i clienti istituzionali di base che vogliono partecipare a una transazione in derivati”.

La scelta di Morgan Stanley a riprova che sempre più organizzazioni finanziari stanno cercando di fornire una gamma più ampia di prodotti per i loro clienti e questi devono ora includere i futures sui Bitcoin. Per dovere di cronaca si ricorda che circa un mese fa James Faucette, dirigente  di Morgan Stanley, aveva affermato  che il vero valore della moneta digitale più amata al mondo potrebbe essere pari a zero.

Nella nota intitolata Bitcoin decrypted, Faucette elenca diversi motivi a sostegno della sua tesi, tra cui che la criptovaluta non è una moneta reale di scambio e, di conseguenza, non matura interessi. Il suo valore per il momento è pertanto speculativo.