Minibot Lega: debito pubblico o moneta parallela?

3 Giugno 2019, di Angelantonio Viscione

I Minibot pensati dalla Lega

minibot della Lega sono debito pubblico e non funzioneranno da moneta, neanche da moneta parallela.

Nella mozione approvata alla Camera proposta da Claudio Borghi (presidente della Commissione Bilancio alla Camera) e presente nel programma della Lega, i minibot appaiono come nuovo debito pubblico (con titoli di piccolo taglio) con cui è possibile compensare debiti e crediti con lo Stato.

In altri termini, sono titoli emessi dallo Stato italiano distribuiti a chi vanta crediti con le pubbliche amministrazioni e con cui è possibile pagare le tasse. Potranno funzionare efficacemente come moneta parallela all’euro? Molto probabilmente la risposta è no.

La condizione affinché questi titoli possano fungere anche da moneta parallela è che la moneta sia un’imposizione statale, che venga cioè accettata dagli agenti economici come mezzo di pagamento essenzialmente perché utile a pagare le tasse.

Si tratta di tesi discendenti dalla “teoria cartalista” della moneta ma non condivise universalmente. La storia ci dice di esperienze di circolazione di moneta anche senza Stato, come ad esempio la famosa esperienza scozzese del XIX secolo, e che hanno fatto fiorire interpretazioni diverse come la teoria nominalista […]

Continua sul blog In Crisi: clicca qui.