Millennials e risparmi: ecco gli errori più comuni e i rimedi

8 Febbraio 2021, di Alessandra Caparello

Un recente sondaggio di Deloitte, ha scoperto che lo stress finanziario a lungo termine è una delle cose principali che tiene svegli i millennials di notte. Anche se cambiare il passato non è una soluzione realistica, aggiustare alcune abitudini oggi può aiutare. Business Insider ha parlato con alcuni pianificatori finanziari degli errori nella gestione dei risparmi che commettono i millennial indicando al tempo stesso alcune cose da fare per cambiare le cose.

Millennials: hanno paura del mercato azionario

Il pianificatore finanziario Kari Wolfson, vice presidente di Adviser Investments, che è lei stessa un millennial, ha detto che i giovani di oggi tendono ad avere un po’ paura del mercato azionario. Hanno visto il disastro nel 2008, e questo li trattiene dall’esplorare le opportunità di investimento. “Mi sono laureata nel 2008. Penso che molti di noi millennials abbiano vissuto la Grande Recessione, e quelli sono stati tempi difficili”, ha detto Wolfson.

La buona notizia è che i millennial hanno il tempo dalla loro parte: con 30 o più anni prima della pensione, un portafoglio diversificato ha tutto il tempo per resistere agli alti e bassi del mercato. Secondo Wolfson quindi un portafoglio diversificato – un portafoglio che non è investito troppo pesantemente in un settore o in una società – è la chiave per far crescere la propria ricchezza.

Non automatizzano i loro risparmi

La maggior parte dei millennials sono negli anni sempre più impegnati nella loro vita, tra il crearsi una famiglia, comprare casa, pagare i debiti e forse anche avviare un’attività, quindi è facile dimenticare di risparmiare. Wolfson consiglia di automatizzare i risparmi ogni mese in modo da non doverci pensare, e di iniziare il prima possibile.

Per avere un’idea chiara di quanto dovete risparmiare, Wolfson consiglia di scrivere i propri obiettivi. Da lì, si può capire di quanto si ha bisogno di risparmiare ogni mese per raggiungere i propri obiettivi in tempo, sia che si sta risparmiando per una casa, per la pensione o per pagare il debito.

Risparmiano un importo fisso piuttosto che una percentuale del reddito

La pianificatrice finanziaria Shala Walker di Stavis and Cohen Financial ha detto che è importante risparmiare sulla base di una percentuale del proprio reddito piuttosto che su un importo fisso in dollari – e di iniziare il prima possibile, prima di adattarsi a uno stile di vita al di sopra dei propri mezzi.

Risparmiando sulla base di una percentuale, ha detto, si sta “assicurando che si sta vivendo entro i propri mezzi perché si ha automaticamente una certa quantità che va nei risparmi. E anche se iniziate a guadagnare di più, il conto di risparmio cresce automaticamente perché avete già impostato una certa percentuale del vostro reddito”.