Lo schiaffo di Londra alle banche italiane

13 Settembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI)- Non sono tempi facili per le banche italiane. Come non bastassero i timori per le perdite sui prestiti offerti ai clienti e per l’esame della vigilanza europea che le aspetta, di fronte a loro si presenta una nuova trappola.

Nessuno l’ha vista avvicinarsi, perché è sepolta in un codicillo di un regolamento di settanta pagine stipulato il 5 agosto a Londra.

Ma quel passaggio sembra disegnato apposta per complicare l’accesso al finanziamento internazionale delle banche in Italia e obbligarle a spostare le loro attività nella City: l’opposto di ciò che serve ora che la materia prima essenziale per il paese è la fiducia. (…)

La svolta prende la forma di una modifica alle norme che nel caso di “transazioni nel mercato italiano del reddito fisso” – si legge nel regolamento di agosto – spezza il legame decennale fra Lch di Londra e Cassa compensazione in Italia.

Il gruppo della City annuncia che non interverrà più a garantire le banche globali impegnate nei prestiti a breve termine qualora la sua “alleata” (sic) italiana andasse in default. (…)

L’obiettivo di Londra è chiaro: proteggersi dal rischio Italia e spingere le banche del paese a venire nella City per finanziarsi. Ciò porterebbe in Gran Bretagna i guadagni su quelle operazioni invisibili ma svolte ogni giorno su scala colossale.

In passato Lch aveva tentato di delocalizzare a Londra i fondi di Cassa compensazione, ma fu fermata dalla Banca d’Italia un anno fa. L’istituto centrale ha ingiunto a Cassa di mantenere i conti proprio in Via Nazionale e di investirli in titoli di Stato.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da La Repubblica – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © La Repubblica. All rights reserved