Lanciato il nuovo token LUNA: ceo di Kraken difende la quotazione

30 Maggio 2022, di Gianmarco Carriol

La nuova blockchain Terra (Luna) è stata pubblicata sabato, con il token LUNA appena lanciato che ha visto scambi estremamente volatili nel suo primo giorno, prima di stabilizzarsi e guadagnare terreno più avanti nel fine settimana. Nonostante sia diventato un progetto controverso, il nuovo token LUNA può già essere scambiato su una serie di grandi exchange.

Secondo Do Kwon, CEO della società di sviluppo Terra Terraform Labs, la nuova rete con l’ID di catena “Phoenix-1” è stata lanciata il 28 maggio.

“La mainnet di Pheonix-1 è ora attiva e produce blocchi: servizi di nodi pubblici, portafogli ed esploratori dovrebbero essere attivi a breve”, ha scritto sabato su Twitter il fondatore di Terra.

Il primo exchange a rendere disponibile il nuovo token per il trading sabato è stato Bybit, che ha annunciato che i mercati sarebbero stati aperti circa 10 minuti dopo l’airdrop. Lo scambio è stato seguito da Kucoin circa un’ora dopo.

Su Bybit, il prezzo del nuovo token LUNA ha aperto a 0,5 USD, prima di salire rapidamente per raggiungere un picco di 30 USD entro la prima ora di negoziazione. Il prezzo è poi crollato a un minimo di 3,5 USD, prima di stabilizzarsi intorno a 5,5 USD.

Su Kucoin, nel frattempo, il prezzo ha aperto a 5 USD, prima di salire a un picco di poco più di 6 USD lunedì mattina.

Oltre ai due exchange sopra menzionati, il nuovo token è stato al momento in cui scriviamo scambiato su OKX, Huobi Global, Gate.ioKraken, Bitfinex e MEXC Global.

Su un totale di 1 miliardo di nuovi token LUNA, solo 21 milioni sono entrati in circolazione tramite airdrop sabato. La fornitura rimanente verrà emessa in fasi, secondo il piano ufficiale di rinnovamento di Terra.

Luna Classic al rialzo

E mentre il nuovo token LUNA è stato lanciato, quello vecchio, d’ora in poi chiamato Luna Classic (LUNC), è aumentato di prezzo.

Luna Classic è già stata accolta con sdegno da alcuni membri della comunità che sono scettici su Do Kwon e sul suo piano per reinventare Terra; come Ben Armstrong che ha scritto su Twitter: “Non comprate mai più LUNA. Non 2.0, non 3.0, non 3.14.”

“A volte devi solo accettare la tua perdita. L’esperimento è fallito. Vai avanti”, ha aggiunto Armstrong.

Il ceo di Kraken difende la quotazione

Di fronte al motivo per cui Kraken ha inserito il nuovo token LUNA dopo aver visto cosa è successo con quello vecchio, domenica il CEO dell’exchange, Jesse Powell, ha affermato di non vedere necessariamente i due token come “correlati”.

“C’è una rimozione tecnica di LUNA2? LUNA2 ha gli stessi difetti? Non sono un esperto della moneta, ma presumibilmente LUNA2 ha imparato qualcosa da LUNA”, ha detto Powell.

Powell ha aggiunto che gli exchange devono rispondere alla “domanda dei clienti” e ha sottolineato che un elenco “non è un’approvazione”.

“Siamo qui per gestire un mercato, facilitare la scoperta dei prezzi, non scegliere vincitori e vinti”, ha affermato il CEO dell’exchange.

Chi sono i colpevoli… se ci sono

Nel frattempo, è stata gettata nuova luce sugli eventi che alla fine hanno portato al collasso della catena Terra originale e della sua stablecoin algoritmica terraUSD (UST).

Secondo la società di ricerca sulle criptovalute Nansen, non c’era un solo “attaccante dannoso” responsabile del crollo. Invece, il crollo è avvenuto a seguito delle azioni di più attori grandi, tra cui la società di prestiti in criptovalute Celsius Network (CEL).

Secondo Nansen, questi giocatori hanno ritirato diverse centinaia di milioni di dollari di UST dall’Anchor Protocol.

Il CEO di Celsius, Alex Mashinsky, ha precedentemente commentato il ruolo della sua azienda nel dramma che circonda il crollo di Terra, dicendo l’11 maggio che “tutti i fondi sono al sicuro” e che “noi continuiamo ad essere aperti come al solito”.