Lagarde (Bce): crescita a rischio per guerra e crisi energetica

8 Settembre 2022, di Alessandra Caparello

“Il Consiglio direttivo ha deciso oggi di aumentare di 75 punti base i tre principali tassi di interesse della Bce. Questo importante passo anticipa la transizione dall’attuale livello altamente accomodante dei tassi di policy verso livelli che garantiranno il tempestivo ritorno dell’inflazione al nostro obiettivo di medio termine del 2%”.

Ha aperto così la conferenza stampa la presidente della Bce Christine Lagarde insieme al suo vice Luis de Guindos al termine della riunione di politica monetaria della Banca centrale europea.

Le Bce nelle prossime riunioni prevede di aumentare ulteriormente i tassi di interesse per frenare la domanda e prevenire il rischio di un persistente spostamento verso l’alto delle aspettative di inflazione. Interpellata sui rialzi dei tassi in conferenza stampa, Lagarde ha detto i prossimi rialzi saranno compresi fra 2 e 5.

La Bce ha assicurato che rivaluterà regolarmente il suo percorso di policy alla luce delle informazioni in arrivo e dell’evoluzione delle prospettive di inflazione. Le future decisioni in materia di tassi di interesse continueranno a dipendere dai dati e seguiranno un approccio basato sulle singole riunioni.

A spingere la Banca centrale verso la decisione odierna e ulteriori futuri aumenti dei tassi è stata l’inflazione che, sostiene Lagarde, rimane troppo alta e probabilmente rimarrà al di sopra dell’obiettivo Bce per un periodo prolungato.

Attività economica

L’economia dell’area dell’euro è cresciuta dello 0,8% nel secondo trimestre del 2022, soprattutto grazie alla forte spesa dei consumatori per i servizi ad alta intensità di contatto, a seguito dell’abolizione delle restrizioni legate alla pandemia. Durante l’estate, con l’aumento dei viaggi, ne hanno beneficiato soprattutto i Paesi con un settore turistico sviluppato. Allo stesso tempo, le imprese hanno sofferto per gli alti costi dell’energia e per le continue strozzature nelle forniture, anche se queste ultime si sono gradualmente attenuate. Sebbene il turismo abbia sostenuto la crescita economica nel terzo trimestre, la Bce prevede un sostanziale rallentamento dell’economia nel resto dell’anno. Le ragioni principali sono quattro.

In primo luogo, l’inflazione elevata sta frenando la spesa e la produzione in tutta l’economia, e questi venti contrari sono rafforzati dalle interruzioni delle forniture di gas. In secondo luogo, il forte rimbalzo della domanda di servizi che ha accompagnato la riapertura dell’economia perderà vigore nei prossimi mesi. In terzo luogo, l’indebolimento della domanda globale, anche nel contesto di una politica monetaria più restrittiva in molte grandi economie, e il peggioramento delle ragioni di scambio comporteranno un minore sostegno per l’economia dell’area dell’euro. In quarto luogo, l’incertezza rimane elevata e la fiducia è in forte calo.

Allo stesso tempo, il mercato del lavoro è rimasto solido, sostenendo l’attività economica. L’occupazione è aumentata di oltre 600.000 unità nel secondo trimestre del 2022 e il tasso di disoccupazione si è attestato al minimo storico del 6,6% a luglio.

Le misure di sostegno fiscale per attenuare l’impatto dell’aumento dei prezzi dell’energia, continua Lagarde, dovrebbero essere temporanee e mirate alle famiglie e alle imprese più vulnerabili per limitare il rischio di alimentare pressioni inflazionistiche, migliorare l’efficienza della spesa pubblica e preservare la sostenibilità del debito. Le politiche strutturali dovrebbero mirare ad aumentare il potenziale di crescita dell’area dell’euro e a sostenerne la resilienza.

Inflazione

L’inflazione è salita ulteriormente al 9,1% in agosto. L’inflazione dei prezzi dell’energia è rimasta estremamente elevata, al 38,3%, ed è stata ancora una volta la componente dominante dell’inflazione complessiva.

Sebbene le strozzature dell’offerta si siano attenuate, queste continuano a ripercuotersi gradualmente sui prezzi al consumo, esercitando una pressione al rialzo sull’inflazione, così come la ripresa della domanda nel settore dei servizi. Anche il deprezzamento dell’euro ha contribuito all’aumento delle pressioni inflazionistiche.

La tenuta dei mercati del lavoro e un certo recupero per compensare l’aumento dell’inflazione dovrebbero sostenere la crescita dei salari. Allo stesso tempo, i dati in arrivo e i recenti accordi salariali indicano che la dinamica salariale rimane complessivamente contenuta. La maggior parte delle misure delle aspettative di inflazione a lungo termine si attesta attualmente intorno al 2%, anche se le recenti revisioni al di sopra dell’obiettivo di alcuni indicatori giustificano un monitoraggio continuo.

Valutazione del rischio: incognita forniture energetiche

Nel contesto del rallentamento dell’economia mondiale, i rischi per la crescita sono principalmente al ribasso, in particolare nel breve periodo. Come si evince dallo scenario negativo delle proiezioni del personale, una guerra di lunga durata in Ucraina rimane un rischio significativo per la crescita, soprattutto se le imprese e le famiglie dovessero subire un razionamento delle forniture energetiche. In una situazione del genere, la fiducia potrebbe deteriorarsi ulteriormente e i vincoli dal lato dell’offerta potrebbero peggiorare ancora. Anche i costi dell’energia e dei generi alimentari potrebbero rimanere più alti del previsto. Un ulteriore deterioramento delle prospettive economiche mondiali potrebbe rappresentare un ulteriore freno alla domanda esterna dell’area dell’euro.

I rischi per le prospettive dell’inflazione sono principalmente al rialzo. Come per la crescita, il rischio principale nel breve termine è un’ulteriore interruzione delle forniture energetiche. Nel medio termine, l’inflazione potrebbe risultare più elevata del previsto a causa di un persistente peggioramento della capacità produttiva dell’economia dell’area dell’euro, di ulteriori aumenti dei prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari, di un aumento delle aspettative di inflazione al di sopra del nostro obiettivo o di aumenti salariali superiori al previsto. Tuttavia, se i costi dell’energia dovessero diminuire o se la domanda dovesse indebolirsi nel medio termine, le pressioni sui prezzi scenderebbero.