La soluzione di Obama per ridurre le disparità di reddito

7 Novembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Aumentare il salario minimo, portando la paga oraria a 9 dollari. La proposta lanciata lo scorso febbraio dal Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, da attuarsi entro la fine del 2015, potrebb ridurre le disuguaglianze e, allo stesso tempo, dare una mano alla ripresa economica Usa.

Lo sostengono gli economisti del sito Econbrowser.

Come fanno notare gli esperti, un aumento delle retribuzioni di tale entità porterebbe il livello degli stipendi reali (depurati dall’inflazione) allo stesso livello del 1981.

“L’innalzamento del salario minimo finirebbe per incidere positivamente soprattutto sulla ricchezza delle classi meno abbienti, aumentandone la propensione marginale al consumo.

Ciò avrebbe un “effetto positivo su tutta l’economia”.

In Germania, nel frattempo, i socialisti hanno proposto di alzare il salario minimo orario a 8,5 euro, come condizione per partecipare a una coalizione di Governo, mentre il CDU di Angela Merkel fa resistenza, proponendo un livello più basso.