Italia: salari salgono proprio durante shopping di Natale e salasso fiscale di fine anno

di Redazione Wall Street Italia
19 Dicembre 2014 11:41

ROMA (WSI) – L’incremento dei salari arriva al momento giusto. Proprio in concomitanza con lo shopping di Natale e le spese enormi per le scadenze fiscali di fine anno, le retribuzioni contrattuali dei lavoratori italiani sono salite ancora.

Continua a migliorare l’indice delle retribuzioni orarie, che in novembre è aumentato dello 0,1% rispetto al mese precedente e dell’1,1% rispetto allo stesso periodo 2013. Si tratta dell’aumento su base annuale più contenuto da almeno il 1982.

Complessivamente, nei primi undici mesi la retribuzione oraria media è cresciuta dell’1,2% rispetto al corrispondente periodo del 2013.

Con riferimento ai principali macrosettori, per i dipendenti del settore privato le retribuzioni sono salite dell’1,4% annuo, per quelli della pubblica Amministrazione non ci sono state variazioni.

I settori con gli incrementi tendenziali maggiori sono telecomunicazioni, agricoltura, gomma, plastica e lavorazione minerali non metalliferi. Variazioni nulle nel settore del commercio e in tutti i comparti della pubblica amministrazione.

Tra i contratti monitorati dall’indagine, nel mese di novembre è stato recepito un solo accordo e nessuno è scaduto. La quota dei dipendenti in attesa di rinnovo, infine, è del 55,6% nel totale dell’economia e del 42,7% nel settore privato.

L’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 36,3 mesi per l’insieme dei dipendenti e di 20,8 mesi per quelli del settore privato.

(DaC)