Investire per tempo o nel tempo? Market timing vs. Pac

10 Maggio 2022, di Valentina Magri

Come evitare le perdite in borsa? Basta vendere un titolo prima che i mercati scendano. Può sembrare un approccio naïf e semplicistico, ma è invece è una strategia di investimento, chiamata market timing.

Cos’è il market timing

Il market timing è una strategia d’investimento che mira a individuare il momento migliore per investire o disinvestire, in base alle oscillazioni di mercato. L’approccio è tutt’altro che scientifico: le decisioni d’investimento o disinvestimento dipendono dall’intuito e dalle previsioni del risparmiatore sull’andamento futuro dei mercati, da cui trarre beneficio.

Investire per tempo: i rischi del market timing

Il market timing fondamentalmente è una scommessa, e in quanto tale estremamente rischiosa. Concretamente, è difficile prevedere quali saranno i giorni in cui le borse andranno meglio o peggio e conseguentemente guadagnarci. Osservate il grafico sotto: illustra quanto si può guadagnare o perdere sui mercati, investendo inizialmente 100 mila dollari, dopo aver perso tutti oppure i 10-20-30-40 migliori giorni per l’indice S&P 500 in un decennio.

Investire o perdere l’occasione di investire nei migliori giorni per la borsa può fare una netta differenza: può portare a guadagnare 172 mila euro o a perderne 36 mila rispetto ai 100 mila investiti 10 anni prima. Insomma, il tempo può essere un nemico o un alleato, a seconda del caso, delle capacità previsive e delle competenze finanziarie di chi investe. Fermo restando che l’imprevedibilità dei mercati può metterci lo zampino e mandare a monte le previsioni sui mercati e/o spaventare i risparmiatori, che possono finire per vendere o comprare in preda all’emotività del momento.
Per tutti questi motivi, di fatto, è quasi impossibile con il market timing per un normale risparmiatore guadagnare. Che forse farebbe meglio ad ascoltare Giulio Cesare: “Si non potes inimicum tuum vincere, habeas eum amicum”. Ovvero: “Se non puoi batterlo, fattelo amico”. E in finanza esiste un modo per fare pace e amicizia con il tempo che passa inesorabile: il Pac (programma di accumulo di capitale).

Investire nel tempo: i Pac

Il Pac (programma di accumulo di capitale) prevede di effettuare un investimento iniziale di importo limitato, incrementato periodicamente con un importo prefissato, si sceglie cioè di accumulare un capitale in quel mercato in più momenti, a rate. Il programma fa leva sul tempo e sulla resilienza dei mercati per accumulare denaro, adottando un approccio buy and hold. Anziché focalizzarsi sul momento più propizio o meno per investire, il Pac permette di riflettere maggiormente sugli obiettivi d’investimento, confidando nel fatto che il tempo è dalla nostra parte.
Basta guardare questo grafico sul mercato azionario americano, che, incurante di tutte le crisi, guerre, recessioni ed epidemie dal 1936 ad oggi, ha avuto un andamento ascendente.

Valentina Magri | Wall Street Italia

Inoltre, il Pac permette di smussare i periodi di alta volatilità e mediare i prezzi di acquisto. Si tratta pertanto un’ottima strategia che consente di costituire un capitale investendo i risparmi (anche piccoli) con molta gradualità e poco stress.