Investimenti: imprenditore milionario svela segreto suo successo

31 Maggio 2019, di Daniele Chicca

Ha un patrimonio netto stimato dell’ordine di 160 milioni di dollari. Si chiama Gary Vaynerchuk, è un imprenditore seriale e investitore in startup, la cui filosofia si basa su un assunto molto semplice. “Passare il minor tempo possibile a pensare al passato”.

Lavorare sodo e creare valore per trascorrere una vita di felice è il suo mantra. L’amministratore delegato e confondatore dell’agenzia pubblicitaria VaynerMedia, che ha scritto quattro besteller ed è partner di un fondo di venture capital chiamato VaynerRSE, ha occhio per i talenti e ha una predisposizione per le grandi idee.

Vaynerchuk ha fatto una fortuna investendo in startup e storie di successo quali Twitter, Uber, Tumblr e Snap, ma non si è fermato lì. Il portafoglio investimenti di VaynerRSE include circa 80 aziende, tra cui la piattaforma di mercato e wallet digitale internazionale Coinbase, il numero uno del suo settore, e il servizio di abbonamento a prodotti di bellezza e cosmetici Birchbox.

Il CEO VaynerMedia CEO è fermamente convinto che investire in marchi e prodotti che piacciono e di cui si sa tutto dalla A alla Z sia la strada del successo. Che si tratti di Starbucks o Nike, se si è attratti dal business di un’impresa, bisogna lasciarsi guidare dal proprio fiuto. E avere pazienza, dal momento che i risultati spesso non arrivano subito.

Bisogna investire presto e a lunghissimo termine

Bisogna investire presto, in qualcosa in cui si crede, e lasciare maturare gli investimenti con un orizzonte a “mega lungo termine”. “In pratica, ogni volta che compro qualcosa” so già che quella somma di denaro “non tornerà più indietro”. Anche per questo conviene conoscere bene e amare le aziende in cui si investe, nella convinzione che non c’è spazio per i ripensamenti.

Questo è il “piccolo” segreto di Vaynerchuk, il quale spiega all’emittente CNBC che ovviamente ci si può sbagliare e si può scegliere la società sbagliata. Per questo è meglio diversificare il più possibile. “A meno che l’America non sparisca dalla faccia della terra, su un periodo di tempo molto lungo”, la Borsa Usa “è probabilmente una buona scommessa”. L’indice S&P 500, il paniere allargato della Borsa americana, ha garantito negli ultimi 20 anni ritorni da investimento del 7,2% di media.

“Investire funziona basta che non si ragioni in questo modo: ‘metto 3.000 dollari ma tra tre anni quando comprerò una casa saranno 9.000 o 6.000 dollari'”. Non è così che funziona. “Siamo troppo vulnerabili a condizioni macro” esterne, su cui non esercitiamo alcun controllo e con non hanno nulla a che fare con il ‘core‘ business dell’impresa in cui crediamo.

Le tensioni geopolitiche e i disastri naturali sono il perfetto esempio di elementi e agenti esterni che possono ribaltare completamente il destino di interi settori. Ma a lunghissimo termine, un investimento azzeccato paga. In estrema sintesi, le regole auree del buon investitore “milionario” sono: fidarsi del proprio istinto, studiare a fondo i marchi e i prodotti che piacciono e in cui si vuole investire e portare tanta pazienza.