Invesco definisce l’acquisto di OppenheimerFunds

19 Ottobre 2018, di Alessandro Chiatto

Invesco ha siglato un accordo per acquisire OppenheimerFunds da parte di MassMutual per circa 5,7 miliardi di dollari. L’accordo farà crescere il patrimonio totale della società in gestione a oltre a 1200 miliardi di dollari. Con questo accordo Invesco diventerà il sesto più grande gestore di asset per gli investitori al dettaglio negli Stati Uniti. Secondo quanto riporta il comunicato, i termini dell’accordo stabiliscono che gli azionisti MassMutual e OppenheimerFunds riceveranno 81,9 milioni di azioni di Invesco Common Equity e 4 miliardi di dollari di azioni privilegiate con un periodo di 21 anni senza chiamate e un tasso fisso del 5,9%.

MassMutual deterrà una quota del 15,5% in Invesco diventandone il maggior azionista. Invesco ha detto che prevede di riacquistare 1,2 miliardi di dollari in azioni nei prossimi due anni “in base alla solidità finanziaria dell’organizzazione combinata”. OppenheimerFunds, con sede a New York, gestisce circa 248 miliardi di dollari in una serie di fondi comuni gestiti attivamente, etf basati sul reddito fisso e etf basati fattoriali.

L’amministratore delegato di Invesco, Marty Flanagan (nella foto), ha affermato che, sebbene la transazione genererà circa 475 milioni di dollari di risparmi sui costi nei prossimi due anni, la società non prenderebbe in considerazione alcuna fusione di fondi fino a dopo la chiusura dell’accordo: “Non ci sono piani per le fusioni di fondi”, ha dichiarato Flanagan, precisando che in questo momento ci si sta concentrando “sulla creazione di una piattaforma operativa combinata”.