Inciucio PD-Berlusconi, “scenario inquietante”

3 Luglio 2017, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Mentre il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ipotizza che si andrà al voto tra febbraio e la primavera del prossimo anno, continuano i pronostici sulle possibili alleanze tra le varie forze politiche.

In pole position quella tra il Pd di Matteo Renzi e Berlusconi, definito uno scenario inquietante e improponibile dal Guardasigilli Andrea Orlando intervistato da Maria Latella a Sky Tg 24.

“Se ci fosse l’alleanza tra Pd e Berlusconi, chiederei agli iscritti che ne pensano, attraverso un referendum (…) Mi pare che anche Renzi lo abbia negato. Ma se cessiamo di essere di sinistra sarebbe un’altra cosa. Ora bisogna lavorare per scongiurare questo scenario. (…) Non vedo contrapposizione tra le parole d’ordine delle due manifestazioni di Roma e Milano. Se guardiamo ai contenuti, penso alle parole di Martina che riprendono il filo di quelle di Pisapia, credo ci siano le condizioni per ricomporre il centrosinistra. A patto di mettere da parte e superare i personalismi“.

Per il ministro della Giustizia è necessario che il Partito democratico si ricomponga visto che da solo non potrà arrivare al 40%.

“Le lacerazioni personali vanno messe da parte per provare a ricostruire una coalizione che includa anche pezzi di società che in questo momento sono alla finestra o sono disincantati. Mettiamo da parte le divisioni personali, altrimenti vince la destra (…) Dove il centrosinistra si è diviso, è stato sconfitto. E questa è una buona ragione per costruire una coalizione”.