Il Bitcoin Trust di Grayscale ha perso il 43% del suo valore

21 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

Grayscale Bitcoin Trust (GBTC) è costantemente scambiato con un ampio sconto rispetto al prezzo dei Bitcoin spot che detiene, con il suo valore patrimoniale netto (NAV) che si aggira intorno al 40%. L’ultima soluzione proposta: un deposito agevolativo del Regolamento M presso la Sec.

Il regolamento M, se concesso, consente a un fondo di creare e riscattare simultaneamente azioni, ha affermato Grayscale in una sessione di domande e risposte che descrive in dettaglio come si svolgerebbe tale conversione. La norma “è progettata per impedire la manipolazione da parte di individui interessati all’esito di un’offerta e proibisce attività e comportamenti che potrebbero influenzare artificialmente il mercato di un titolo offerto”, ha affermato la Financial Industry Regulatory Authority (FINRA). Prima di approfondire la questione, vediamo cos’è il GBTC e come siamo arrivati a questa situazione.

Cos’è GBTC di Grayscale?

Lanciato nel settembre 2013, GBTC è un titolo che offre agli investitori un modo per ottenere un’esposizione passiva a Bitcoin senza acquistare l’asset. Raccoglie denaro da attori istituzionali e lo utilizza per acquistare Bitcoin, che viene quindi detenuto in un fondo Grayscale, il che significa che Grayscale detiene i Bitcoin, non gli investitori.

Nel caso di GBTC, uno “sconto” non è positivo. Il fondo è a sconto quando il suo prezzo al NAV (valore patrimoniale netto) del prezzo corrente di Bitcoin è negativo, ed è a premio quando il prezzo al NAV è positivo.

Storicamente, il Grayscale Bitcoin Trust di solito veniva scambiato a premio rispetto al suo asset sottostante, ma le cose sono cambiate all’inizio dello scorso anno, quando sono spuntati altri veicoli di investimento alternativi in ​​Bitcoin, in particolare i Canadian Exchange-Traded Funds (ETF) e molti altri strumenti basati su Bitcoin, come gli ETF sui future sui Bitcoin introdotti nello stesso anno.

Ciò che dovrebbe preoccupare ulteriormente in questo momento è anche che sia Grayscale che Genesis sono di proprietà del Digital Currency Group di Barry Silbert.

La causa contro la Sec

Grayscale ha citato in giudizio la Sec nel giugno 2022 dopo che l’autorità di regolamentazione dei titoli statunitensi ha negato la sua richiesta di ETF Bitcoin spot. Da allora, l’azienda ha ricevuto un ampio sostegno dal settore, incluso il sostegno di gruppi di pressione tra cui la Blockchain Association, la Camera di commercio digitale, il Coin Center e l’exchange di criptovalute Coinbase. Se la Sec approvasse la conversione di GBTC in un ETF, sarebbe concesso lo sgravio del regolamento M, ha affermato Grayscale.

“La Sec sfrutterà il fallimento di FTX per sostenere che la loro posizione è corretta e che GBTC non dovrebbe essere convertito in un ETF”, ha affermato Jeffrey Blockinger, consigliere generale di Quadrata. “Il ritardo nel portare avanti la regolamentazione su Capitol Hill potrebbe a sua volta essere utilizzato dalla Sec per rafforzare la sua posizione nei confronti della domanda GBTC per diventare un ETF”.

L’attuale sconto di GBTC su Bitcoin è di circa il 40%, secondo i dati di YCharts, ha segnato un aumento rispetto alla dispersione di circa il 30% per la maggior parte del 2022. Quando il trust è stato lanciato nel 2017, è stato scambiato a un premio, che da allora è costantemente diminuito.

“Se avessi voluto liquidare la tua posizione in GBTC, avresti dovuto vendere azioni sul mercato aperto e attualmente non c’è la domanda che c’era una volta per GBTC, il che ha portato a questo sconto del 40%”, ha affermato David Schwed, direttore operativo della società di sicurezza blockchain Halborn. “Se dovessero convertirsi in un ETF, il pensiero è che lo sconto scomparirebbe perché lo stato del regolamento M consentirebbe al fondo di creare/riscattare azioni con l’attuale domanda del mercato, il che dovrebbe eliminare lo sconto”.

È improbabile che GBTC si converta in un ETF, almeno non nel breve periodo, secondo Selkis, e la richiesta di sgravio del regolamento M ora aiuterebbe gli investitori.

“Le probabilità che Grayscale vinca la causa contro Sec alla luce delle transazioni con parti correlate con Genesis Trading, Genesis Capital e almeno due controparti in bancarotta (BlockFi e 3AC) sono ora pari a zero”, ha scritto Selkis su Twitter . “I ritardi nel perseguire un programma Reg M danneggiano gli azionisti mentre arricchiscono DCG/Grayscale”.

Altri sostengono che Grayscale potrebbe essere più vicina all’approvazione dell’ETF, anche in mezzo alle continue turbolenze nel settore. Tom Emmer, che recentemente è diventato capogruppo dei Repubblicani alla Camera, è stato un sostenitore degli ETF spot Bitcoin per oltre un anno.

Ovviamente, il Congresso non è coinvolto nell’attuale causa legale di Grayscale e la questione degli ETF spot nello spazio cripto non è probabilmente una delle principali preoccupazioni al momento, secondo Schwed. “Non credo, dati gli ultimi eventi che si sono svolti, che la Sec consideri questo come una priorità poiché uno dei motivi del rifiuto era dovuto alle preoccupazioni di manipolazione del mercato tra le società di criptovalute“, ha affermato Schwed.