Il Bitcoin supera i 22 mila dollari. Come mai?

12 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Il Bitcoin oggi ha superato i 22 mila dollari, mentre continua il rally dell’ultima settimana, in vista dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti e di un attesissimo aggiornamento della rete Ethereum.

La criptovaluta più grande del mondo è scambiata al momento della stesura di questo articolo a 22.376 dollari, secondo i dati di CoinMarketCap. Dopo essere sceso al di sotto di 19 mila mercoledì al livello più basso da giugno, da allora il Bitcoin è aumentato di circa il 17%.

Questo deriva anche un’ottima settimana per le azioni statunitensi. Il Bitcoin è strettamente correlato ai mercati azionari, in particolare al Nasdaq e spesso cresce quando l’indice tech-heavy sale.

Gli investitori in criptovalute sono in attesa dei dati sull’indice dei prezzi al consumo di agosto, in uscita domani, per vedere la direzione in cui sta andando l’inflazione, che potrebbe fornire suggerimenti sulle future mosse politiche della Federal Reserve statunitense.

Le azioni sono state sotto pressione quest’anno poiché la Fed ha aumentato i tassi di interesse per cercare di controllare l’inflazione. Le criptovalute, che sono anch’esse asset di rischio, non sono andate meglio. Quasi 2 trilioni di dollari sono stati spazzati via dall’intero mercato delle criptovalute dal massimo storico di novembre. Il Bitcoin è in calo di oltre il 50% quest’anno. Il declino è stato guidato anche da problemi specifici delle criptovalute, tra cui il crollo di progetti chiave e fallimenti che si sono diffusi in tutto il settore.

Ethereum supererà il Bitcoin dopo il merge?

Nel frattempo, la rete Ethereum completerà un aggiornamento tanto atteso chiamato “The Merge. Ciò trasformerà la blockchain di Ethereum da un modello proof-of-work a un modello proof-of-stake e ridurrà significativamente la quantità di energia richiesta per il funzionamento della rete. I sostenitori affermano che questo potrebbe aprire la strada a un uso più ampio di ETH, il token che gira su Ethereum.

“Il mercato delle criptovalute affronta un insolito doppio smacco questa settimana: i dati sull’inflazione negli Stati Uniti e [si spera] la tanto attesa e spesso ritardata fusione (Merge) di Ethereum. Trattenete il respiro per un giro sulle montagne russe. E’ il momento di cui il resto del mondo dovrebbe prendere atto che l’impronta di carbonio di Ethereum è destinata a essere ridotta del 99%”, ha affermato Antoni Trenchev, co-fondatore di NEXO.

Tuttavia, gli analisti hanno avvertito che l’unione non accelererà necessariamente la rete Ethereum, che è nota per essere lenta, né ridurrà le commissioni associate alle transazioni.

Tuttavia, l’entusiasmo è cresciuto per il Merge. Da quando Ether (ETH) ha toccato il minimo dell’anno a metà giugno, il prezzo della seconda criptovaluta più grande del mondo ha visto un interesse di gran lunga maggiore a quello di Bitcoin. ETH è aumentato di oltre il 90% da giugno, mentre il Bitcoin è aumentato di poco più del 20%, sollevando la questione di quanto sia già stato prezzato il Merge.

Si prevede inoltre che la Federal Reserve aumenterà nuovamente i tassi di interesse la prossima settimana quando si riunirà il suo Federal Open Market Committee (FOMC); un’altra nuvola oscura che incombe sul mercato delle criptovalute. Yuya Hasegawa, analista del mercato delle criptovalute presso l’exchange giapponese Bitbank, ha concluso:

“La fusione potrebbe innescare una situazione di vendere il fatto nel mercato delle criptovalute e dobbiamo ancora stare attenti per la riunione del FOMC della prossima settimana. Il Bitcoin potrebbe continuare a crescere, ma il rally potrebbe essere di breve durata”.