Il Bitcoin scende sotto i 20.000 dollari. Cosa sta succedendo

29 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

Dopo che la Federal Reserve ha rafforzato i commenti aggressivi sulle prospettive di inflazione, gli asset rischiosi sono stati venduti e le criptovalute ne stanno ancora pagando le conseguenze, compreso il Bitcoin (BTC).

Un fine settimana abbastanza “morto” ha fatto poco per migliorare l’umore e il Bitcoin è sceso sotto i 20 mila dollari. In tal modo, diverse settimane di rialzo sono effettivamente scomparse e, a loro volta, i trader e gli analisti si aspettano un nuovo test dei minimi macro visti a giugno di quest’anno.

Mentre ora tutto è tranquillo per quanto riguarda la Fed fino alla decisione di rialzo dei tassi di settembre, c’è ancora molto spazio per sconvolgere il persistere dell’incertezza geopolitica e dell’inflazione. Tuttavia, a partire dalla scorsa settimana, il Bitcoin sembra fondamentalmente resiliente come rete, con dati on-chain che raccontano una storia diversa rispetto ai grafici dei prezzi.

Perché il Bitcoin potrebbe raggiungere un target di 17 mila dollari

Dopo un periodo di scambio nel fine settimana relativamente tranquillo, la coppia è crollata ulteriormente nella notte del 29 agosto, determinando la chiusura settimanale più bassa dall’inizio di luglio.

Una candela settimanale rossa da 2.000 dollari ha quindi chiuso un misero agosto per i rialzisti, dopo i 3 mila dollari iniziali di perdite la settimana prima. A pochi giorni dal completamento della candela mensile, l’umore tra gli analisti è comprensibilmente meno che ottimista a breve termine.

“Spero di poter vedere una ripresa questa settimana, ma il modo in cui le azioni hanno chiuso venerdì non mi sembra così caldo”, ha riassunto il trader Josh Rager ai follower di Twitter. Il popolare utente twitter “Il Capo of Crypto” ha comunque intravisto la possibilità di una breve compressione al rialzo prima della continuazione del trend ribassista.

Notando tassi di finanziamento negativi che implicano una propensione del mercato dei derivati ​​verso perdite nette, ha previsto che 23 mila dollaei potrebbe essere un obiettivo raggiungibile. “Molte più persone che si aspettano 19k rispetto a quelle che si aspettano 23k. I finanziamenti dicono tutto. Inoltre, c’è molta liquidità succosa sopra i 21k”, ha twittato. Tra le varie opinioni che vedono come target finale i 17 mila euro o meno, troviamo l’analista tecnico Gert van Lagen, che ha indicato un obiettivo minimo di 17.500 dollari per il grafico giornaliero.

I trader si preparano a ulteriori ribassi delle azioni Usa

La bomba della scorsa settimana del presidente della Fed Jerome Powell ha provocato un’onda d’urto attraverso tutti gli asset di rischio mondiali. Il discorso di Powell ha vaporizzzato oltre 2 trilioni dalle azioni globali, di cui 1,25 trilioni nei soli Stati Uniti. “A un certo punto, poiché la politica monetaria si inasprirà ulteriormente, probabilmente diventerà appropriato rallentare il ritmo degli aumenti”, ha affermato Powell.

“Il ripristino della stabilità dei prezzi richiederà probabilmente il mantenimento di una posizione politica restrittiva per qualche tempo. Il record storico mette fortemente in guardia contro un allentamento prematuro della politica”.

Bitcoin e altcoin allo stesso modo hanno risentito della stretta, a partire dall’inizio di questa settimana i trader sono pronti ad attendere nuovi minimi sul medio/lungo periodo.

Oggi l’indice Crypto Fear & Greed è tornato in territorio di “paura estrema” a 24/100.