Google: non si arrestano le vendite, titolo tocca i minimi da oltre un anno

12 Gennaio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Pioggia di vendita per le azioni Google, che toccano i minimi da un anno, sotto il peso del crescente pessimismo degli analisti di Wall Street sul futuro del gruppo. Per i titoli Classe A, che hanno perso circa l’1% intorno ai 496 dollari, si è trattato della nona seduta in perdita su dieci. Dai massimi toccati a febbraio del 2014, il titolo ha segnato una flessione del 19% circa, alimentando così l’idea che il titolo sia entrato in una fase “orso”.

Nelle ultime settimane sono stati numerosi gli uffici studi delle banche d’affari a rivedere al ribasso le stime sul gruppo. A partire dagli analisti di Stifel che, in un report di qualche giorno fa, hanno declassato il rating delle azioni a “hold” da “buy”, sottolineando che “per il colosso di Mountain View i giorni migliori potrebbero essere alle spalle”.

Cantor Fitzgerald aggiunge che gran parte delle grane recenti del gruppo si devono al fatto che più della metà dei ricavi derivano dai mercati fuori dagli Stati Uniti. Ne deriva che il recente apprezzamento del dollaro sta mettendo sotto pressione i ricavi e i profitti.

Controcorrente, gli esperti di Deutsche Bank che hanno ribadito la preferenza per Google, considerata la migliore idea di investimento tra le large-cap. (mt)