Goldman: Fed potrà iniziare a staccare la spina a settembre

4 Giugno 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI)- La Fed inizierà a ridurre gli acquisti di titoli di stato effettuati su base mensile per un importo di $85 miliardi, a partire dal mese di settembre. E’ quanto prevede Jan Hatzius, responsabile economista di Goldman Sachs.

“Un taglio (alla manovra di quantitative easing) nel mese di settembre è sicuramente possibile, e ritengo che dipenderà dai dati”, ha detto Hatzius, intervistato dalla televisione Bloomberg in occasione della Global Macro Conference organizzata dalla stessa Goldman Sachs a Londra.

La probabilità che l’economia statunitense continuerà a crescere del 2% circa nei prossimi due trimestri, con una inflazione “nel al di sotto del target” è secondo l’esperto nelle mani della Fed, fino a dicembre. La posizione ufficiale di Goldman Sachs rimane infatti per una riduzione delle operazioni di politica monetaria espansiva da parte di Ben Bernanke nel mese di dicembre.

Le dichiarazioni di Hatzius contrastano con quelle di Dennis Lockhart, presidente della Fed di Atlanta, che ha affermato che i dati recentemente diffusi negli Stati Uniti non sono abbastanza forti da giustificare una riduzione nel programma di acquisto dei bond da parte della Federal Reserve, almeno a breve, e con quelle dell’economista Nouriel Roubini, che prevede un rialzo dei mercati azionari per altri due anni, in quanto la Fed dovrà rimandare l’exit strategy, vista la ripresa poco confortante dei fondamentali economici.