Gestito, 2018 anno difficile. Cinque società fanno il vuoto

30 Gennaio 2019, di Alessandro Chiatto

L’industria delle reti di consulenti finanziari archivia il 2018 con un saldo complessivo netto pari a 30 miliardi di euro. Un dato inferiore al 2017 del 23,4%, con il gestito che ha portato diversi deflussi alla causa. Secondo quanto riporta Assoreti, infatti, solo il gestito ha raccolto 13,4 miliardi che, rapportati ai 35 miliardi dell’anno scorso, dà il segnale della difficoltà per il settore.

I prodotti in regime amministrato si sono comportanti in modo completamente diverso, registrando un saldo positivo per 16,7 miliardi (4,2 del 2017). Per quanto riguarda il solo mese di dicembre, la raccolta netta positiva per le reti si attesta a 2,6 miliardi, con un incremento del 33% rispetto al risultato del mese precedente.

A livello societario si può notare come siano solo cinque i gruppi che si accaparrano il grosso della raccolta netta nel 2018: il Gruppo Fideuram, con 9,2 miliardi di flussi positivi in 12 mesi (3,9 raccolti dalla rete Fideuram, 4,1 da Intesa Sanpaolo PB, 1,1 da Sanpaolo Invest); al secondo posto FinecoBank, con 5,4 miliardi; al terzo Banca Generali con 5 miliardi. Giù dal podio Banca Mediolanum (3,5 miliardi) e Allianz Bank (3,4).