Germania: riviste al rialzo stime sulla crescita

22 Aprile 2015, di Redazione Wall Street Italia

BERLINO (WSI) – La Germania è più ottimista sulle previsioni di crescita della sua economia, la prima dell’area euro.

Citando l’andamento dei consumi da parte dei privati e i livelli bassi di disoccupazione, il ministero dell’Economia ha alzato all’1,8% le previsioni di crescita economica quest’anno.

Ma i veri motivi all’origine del miglioramento delle attività sono il contemporaneo calo dei prezzi del petrolio e dell’euro, che hanno favorito spese al consumo ed esportazioni.

Stando alle previsioni del Tesoro tedesco, il Pil dovrebbe crescere dell’1,8% quest’anno e nel 2016. I dati sono rispettivamente dello 0,3% e dello 0,2% migliori delle stime precedenti. L’anno scorso la crescita della locomotiva tedesca è stata dell’1,6%, sopra la media europea.

“Insieme alla performance sempre posiitiva del mercato del lavoro, che ha visto un aumento dei salari e dell’occupazione, la Germania sta attraversando un periodo di crescita solida”, ha detto in un comunicato Sigmar Gabriel, ministro dell’Economia e dell’Energia.

“Il pilastro principale dietro alla crescita sono le spese al consumo, che rendono la situazione attuale diversa dalle precedenti”.

Da anni le esportazioni sono state il driver principale dell’economia tedesca, mentre, contrariamente ad altri paesi europei, i tedeschi sono solitamente riluttanti a spendere.

Ma le cose sono cambiate, grazie al calo della disoccupazione unito all’incremento dei redditi.

Il governo vede un’accelerazione dei consumi del settore privato del +2% nel 2015 dopo la crescita dell’1,2% del 2014. L’anno prossimo le stime parlano di un aumento del +1,6%.

(DaC)